Buono come il pane o no? Studio CREA su Repubblica e Corriere della Sera

Un team di ricercatori del CREA Cerealicoltura e Colture industriali, ha studiato l’interazione fra 4 importanti fattori della panificazione (genotipo di frumento, tecnica di macinazione, agente lievitante e tipo di cottura) e le proprietà chimiche, fisiche e organolettiche del pane. Dall’esperimento è emerso che, contrariamente a quanto si pensa, il genotipo grano antico o grano moderno influenza solo l’aspetto del pane, ma non la qualità dello stesso, che dipende dal tipo di macinazione. Pertanto, lo studio, pubblicato su Scientific Report di Nature, smentisce la convinzione che il pane di grani antichi abbia un sapore o un odore migliore di quello composto da grani moderni.

LEGGI LE INTERVISTE: Granti antichi vs moderni – intervista P De Vita_Repubblica                   Grani ant e mod_interviste Ficco e Carcea_Corriere

LEGGI LA RASSEGNA: Grani antichi vs moderni_rassegna

stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter