CREA: INIZIAMO L’ANNO INTERNAZIONALE DEI LEGUMI RISCOPRENDO IL LUPINO

Il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) ha anticipato di qualche settimana l’anno internazionale dei legumi con il convegno “Il lupino per un agricoltura sostenibile e un alimentazione salutistica”, mirato alla riscoperta di questo legume mediterraneo, legato alle nostre antiche tradizioni alimentari. L’incontro, organizzato oggi dal CREA Colture mediterranee di Acireale, è stato una importante occasione di confronto tra studiosi di diverse discipline per fare il punto sui molteplici benefici di un vegetale, ingiustamente dimenticato.

Sotto il profilo nutrizionale, il lupino si caratterizza per l’elevato contenuto proteico (35-40%), che lo rende un’appetibile alternativa alle proteine animali; per la ricchezza in fibra (14-16%) che favorisce la sazietà e per l’apporto di sali minerali e vitamine. Negli ultimi anni, inoltre, la scienza ha evidenziato le sue interessanti caratteristiche nutraceutiche – ipoglicemizzanti, ipocolesterolemizzanti, ipotensive – che lo rendono essenziale nella prevenzione cardiovascolare e nella riduzione del rischio di malattie coronariche. E, sulla base di queste proprietà, Alfio Spina, ricercatore del CREA di Acireale, ha sviluppato con il suo team, nell’ambito di 2 progetti, 3 prodotti salutistici. Si tratta di un pane iperproteico per sportivi, vegetariani e vegani – fatto con sfarinati di antichi grani duri siciliani, integrati con farina ed estratti proteici di lupino bianco e lupino azzurro – e due snack. Il primo – che può contribuire a ridurre colesterolo, glicemia e ipertensione – è stato realizzato con sfarinato integrale di frumento duro siciliano, farina di lupino bianco, fibre di agrumi ed estratto di bioflavonoidi di limone. Il secondo, invece, è a ridotto apporto calorico ed è preparato con sfarinati di frumenti duri e teneri siciliani, estratto di antocianine di arance rosse, estratti proteici di lupino azzurro.

Il lupino, non fa bene solo alla salute, ma anche all’ambiente. Come tutte le legumimose, anche esso, infatti,  arricchisce il terreno di azoto e di sostanza organica, in particolare con la pratica  “sovescio”, che prevede l’interramento delle piante di lupino, quando sono nella fase di fioritura avanzata. Inoltre, è indicato anche per l’alimentazione degli animali, in quanto alcune varietà dolci sono OGM-free (poco attenzionate dalle multinazionali) ed in grado di sostituire la soia, grazie all’alto contenuto di proteine di elevato valore alimentare e al discreto contenuto in lipidi (10-12%) di buona qualità.

“Le leguminose – ha affermato, in conclusione del convegno, Michele Pisante, commissario delegato CREA – occupano un ruolo insostituibile negli avvicendamenti colturali e nella dieta alimentare per l’elevata valenza ecologica e salutistica, che richiedono approfondimenti, studi e ricerche multidisciplinari, per una sistematica diffusione  e valorizzazione”.

 

stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter