CREA: LA RICERCA E L’INNOVAZIONE PER UN CONSUMO RESPONSABILE

La ricerca in orticoltura e le innovazioni nel settore sono state al centro dell’incontro di oggi, dal titolo  “IL GUSTO DELLA RICERCA. Un menù alla ricerca dei sapori dell’orto”, ultimo degli appuntamenti aperti al pubblico che il CREA ha organizzato a EXPO per celebrare la carta di Milano.

Il miglioramento genetico delle piante da orto e l’applicazione di nuove tecnologie (tecniche per incroci e selezione assistita) da un lato, lo sviluppo di nuove varietà di prodotti ortivi con nuove caratteristiche agronomiche, tecnologiche e nutrizionali (es. ibridi F1 di cavolfiore con alto contenuto di sostanze antiossidanti, varietà di pomodoro, lattuga, peperone, melone, resistenti a funghi, a virus, a insetti) dall’altro, sono solo alcuni esempi di ricerche e innovazioni emersi dall’incontro di oggi.

La ricerca, innegabilmente, influenza lo sviluppo socio-economico del territorio e del tessuto imprenditoriale in quanto le innovazioni comportano sia la crescita della competitività internazionale delle nostre imprese, con la riduzione dei costi di produzione e l’aumento dei ricavi, sia il miglioramento di aree tradizionali svantaggiate, grazie allo creazione di attività e servizi (es. turismo enogastronomico). Le scelte imprenditoriali sono sempre più connotate dal nuovo modello di consumo fondato sul crescente interesse verso la qualità, la sicurezza degli alimenti e la loro conseguente salubrità da un lato e gli impatti su ambiente e società dall’altro.

In tal senso la percezione che i consumatori hanno delle novità e delle innovazioni di prodotto e di processo, soprattutto se legate all’alimentazione, risulta un fattore determinante, sebbene sia un fenomeno complesso, in quanto legato anche a componenti culturali, psicologiche, di comunicazione.

«L’incontro di oggi – ha spiegato Salvatore Parlato, commissario straordinario CREA – rappresenta l’ultimo appuntamento prima di spengere i riflettori su EXPO e abbiamo deciso di dedicarlo ai temi dell’agricoltura e delle innovazioni nella ricerca scientifica, in particolare del settore dell’orticoltura, nell’ottica di promuovere sempre più scelte consapevoli da parte dei consumatori. Il consumatore oggi, grazie all’ampia diffusione dei temi della sostenibilità ambientale delle produzioni, del rapporto tra cibo, consumi e ambiente, utilizza i propri valori e scelte di vita come leve di acquisto e attribuisce grande peso al comportamento delle aziende agricole nella produzione di beni e servizi».

 

stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter