Dalla ricerca CREA novità per contrastare la desertificazione

CREA_logo quadrato

Convegno ad Expo tra i maggiori enti di ricerca scientifici nazionali. Il CREA porta la sua esperienza e le sue innovazioni.

 

Il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria) ha portato il suo contributo al convegno “Siccità, degrado del territorio e desertificazione nel Mondo” tenutosi presso l’Expo di Milano ed organizzato dal CNR con ENEA ed ISPRA.

Nel corso dell’evento si è scattata la fotografia della situazione del bacino mediterraneo e dell’Italia in particolare, di fronte al lento processo di degrado della vegetazione e perdita di fertilità dei suoli.

Il CREA, rappresentato nell’occasione da Guido Bonati, ha presentato le più recenti novità nelle tecnologie di telerilevamento applicate al monitoraggio della desertificazione e del degrado del suolo, in modo specifico per l’erosione.

I sensori satellitari più recenti usciti dai laboratori di ricerca consentono infatti di indagare con grande precisione aree di dimensioni ridotte e a costi limitati. Queste tecnologie sono state adottate dai ricercatori del CREA per la determinazione del rischio di erosione ai fini della applicazione della Politica Agricola Comunitaria, ma possono essere estese su larga scala anche per gli studi sul degrado ambientale.

La desertificazione è presente a tutte le latitudini ed in tutti i continenti: in totale 110 Paesi sono colpiti dal fenomeno. Ogni anno si perdono 12 milioni di ettari di terreno, un’area equivalente alla superficie cumulata di Sicilia, Sardegna, Piemonte, Lombardia e Toscana. Si stima che nelle aree aride vivano circa 2 miliardi di persone e sul pianeta circa la metà delle popolazioni sotto la soglia di povertà assoluta vivano nelle aree aride. Il 72% di queste terre ricade in Paesi in via di sviluppo. La correlazione povertà-aridità è quindi evidente ed è stata confermata dalla Convenzione delle Nazioni Unite per la Lotta alla Desertificazione che prevede che entro il 2045 circa 135 milioni di persone potranno essere costrette a migrare a causa della desertificazione.

Danneggiare o perdere il suolo non implica quindi soltanto diminuire la produzione agricola: significa perdere biodiversità e servizi eco-sistemici e in molti Paesi in via di sviluppo precede migrazioni e guerre.

La ricerca in agricoltura può dare risposte al problema promuovendo tecnologie e pratiche di lotta alla desertificazione, gestione sostenibile del suolo, utilizzo ottimale delle risorse idriche, avvalendosi di tecniche agronomiche avanzate ed incrementando sostanza organica del terreno, forestazione e biodiversità.


 

stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter