EXPO2015: dal CREA agricoltura del futuro e biotecnologie

Il CREA ad EXPO: continuano I GIOVEDI’ DELLA RICERCA

Mille sono le sfide che attendono l’agricoltura del futuro: dalla crescente domanda di risorse alimentari per far fronte all’aumento demografico  planetario alla richiesta di “qualità”,   che sempre più deve essere sostenuta da una adeguata certificazione di prodotto e di processo e non solo dal riconoscimento di un valore tradizionale o legato al luogo di produzione.

Quale può essere il contributo della ricerca in tal senso?

Se ne parlerà ad Expo, giovedì 24 settembre, nell’incontro “L’agricoltura del futuro: quali biotecnologie usare per garantire a tutti il diritto al cibo?”, organizzato dal CREA per mettere a fuoco le esigenze dell’industria sementiera e vivaistica nazionale e per verificare con i produttori gli obiettivi strategici per l’agroalimentare nazionale da perseguire attraverso lo sviluppo di programmi di miglioramento genetico pubblici e privati.

Il progresso delle conoscenze genomiche, infatti, sta rivoluzionando il modo con cui vengono selezionate le varietà coltivate delle specie di interesse agrario. Lo sviluppo e la diffusione delle piante geneticamente modificate negli anni ’90 ha rappresentato un primo passo verso un’agricoltura basata sulla conoscenza dei geni delle piante. Negli anni 2000, tecnologie basate sull’uso di marcatori molecolari e di nuovi sistemi di mutagenesi sono diventate di uso comune nei programmi di miglioramento genetico, mentre nuovi metodi capaci di indurre mutazioni mirate in specifici geni di interesse rappresentano la nuova frontiera del miglioramento genetico vegetale.

 

A seguire il programma:

10.45 Accoglienza

11.00 Alessandra Gentile (Commissario delegato CREA)

Introduzione all’incontro

11.10 Luigi Cattivelli (CREA – Centro di ricerca per la genomica vegetale, Fiorenzuola d’arda)

Strategie ed opportunità per il moderno miglioramento genetico vegetale

11.20 Michele Morgante (Università di Udine, presidente della Società Italiana di Genetica Agraria)

New Breeding techniques: nuovi strumenti per il miglioramento genetico

11.40 Marco Nardi (direttore Assosementi)

Ricerca genomica e biotecnologica nell’industria sementiera

12.00 Marta Colautti (Vivai Rauscedo)

Ricerca genomica e biotecnologica nel settore viticolo

12.20 Marica Soattin (CIV-Italia)

Ricerca genomica e biotecnologica nel settore frutticolo

12.40 Dibattito aperto ai rappresentanti delle società scientifiche e delle organizzazioni dei produttori. Conclusioni a cura di Alessandra Gentile, Commissario delegato CREA.

 

  • Milano, giovedì 24 settembre, ore 10,45  presso Lounge Mipaaf, Cardo Sud – Expo2015

 

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter