L’impegno del CREA per il miglioramento genetico delle colture arboree

Il ricercatore del centro CREA Colture Arboree, Ignazio Verde, intervistato da “Agronotizie”, spiega che, nonostante l’Italia sia all’avanguardia nella mappatura e nel sequenziamento del genoma delle varietà di ortofrutta, non può coltivare o fare ricerca sugli Ogm, ma solo commercializzarne, previa autorizzazione, i prodotti esteri. Attualmente è però al vaglio della Ue la possibilità di coltivazione tramite l’introduzione di geni resistenti a parassiti e malattie, presenti in alcune varietà di frutti, nel Dna di frutti di diversa varietà ma della stessa specie, con grandi vantaggi economici, ambientali e sanitari.

LEGGI L’INTERVISTA: il-crea-per-il-miglioramento-genetico_intervista-ignazio-verde-su-agronotizie

stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter