fatima

Meeting progetto HORIZON 2020 FATIMA

Il CREA ospiterà, nei giorni 28-30 Settembre presso il centro a Roma via della Navicella 2/4,  il terzo plenary meeting del progetto HORIZON 2020 FATIMA – FArming Tool for external nutrient Inputs and water Management.

FATIMA propone, in una ottica di sostenibilità agro-economico-ambientale, di sviluppare una strategia globale per l’ottimizzazione e gestione di input produttivi, nutrienti e acqua ed energia, garantendo una resa ottimale e di qualità di sistemi colturali agricoli tipici dell’agricoltura intensiva europea. Lo sviluppo di tecnologie e strumenti innovativi insieme ad attività sperimentali in campo, con il coinvolgimento diretto degli stakeholders ed un quadro di analisi multilivello e interdisciplinare, garantiscono allo studio un livello di completezza tale da costituire un’importante base conoscitiva per la definizione di linee di indirizzo politico su tematiche di agricoltura sostenibile.

Il progetto considera quindi le dimensioni economiche, agro-ambientali, sociali e politiche in modo integrato e sistemico. Tutte le attività sono implementate e dimostrate in 8 aree pilota rappresentative: Spagna, Italia, Grecia, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Austria, Francia, Turchia. Per l’Italia l’area di studio si trova nella Piana di Tarquinia (VT).

Sono coinvolti nel progetto i ricercatori del CREA RPS, per le attività sperimentali in campo riguardanti la gestione del suolo e dei nutrienti, la modellizzazione di Carbonio e Azoto e l’integrazione tra tecniche di osservazione della terra e modelli di crescita colturale e del CREA PB, sulle analisi e valutazioni di natura socio-economica in relazione alle tecniche agronomiche sostenibili sperimentate, mediante lo sviluppo di strumenti dedicati (come il FPC – Farm Performance Calculator) e l’analisi e definizione del Water-Energy-Food nexus a livello aziendale.

In occasione del meeting, martedì 27 Settembre, la FAO ospiterà una giornata di confronto ispirata ai concetti di sustainable intensification, in cui si discuterà su come intensificare la produzione di cibo minimizzando l’impatto sull’ambiente. Nel corso dell’evento, alcuni tra i maggiori esperti FAO e partner del progetto FATIMA, discuteranno e condivideranno le rispettive esperienze su come rispondere alle sfide globali di incremento della popolazione mondiale e conseguente aumento della richiesta di cibo, riducendo gli attuali livelli di consumo delle risorse naturali, suolo e acqua su tutti, ma anche energia ed altri input produttivi.

Stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter