“Olive Miracle”: l’impegno del CREA per mitigare l’impatto dei cambiamenti climatici sull’olivicoltura

Sarà sempre più a Nord, oltre il 45/o parallelo, il futuro produttivo dell’olivicoltura a causa dei cambiamenti climatici e del variare delle temperature che investono il bacino del Mediterraneo. A spiegarlo i ricercatori dei centri Crea Agricoltura e Ambiente e Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura, con i professionisti del Conaf (Consiglio dell’ordine nazionale dei dottori agrononomi e dei dottori forestali) riunitisi l’11 giugno a Roma, per l’incontro “L’agricoltura italiana di fronte ai cambiamenti climatici: il caso dell’olivicoltura“. Nello stesso incontro sono stati presentati i dati di “Olive Miracle”, progetto di ricerca europeo sulle soluzioni modellistiche per le migliori strategie gestionali per l’olivicoltura contro i cambiamenti climatici in atto.

GUARDA IL VIDEO: dal minuto 12:00 http://www.rainews.it/dl/rainews/TGR/multimedia/ContentItem-dc656fef-00a9-42a2-bd03-df77f683123a.html

LEGGI LA RASSEGNA: Prog CREA_Olivicolt e cambiam climat_rassegna

stampa@crea.gov.it

Condividi
Share on FacebookTweet about this on Twitter