Briciole di pane

Hero Schede tecniche

Schede tecniche

In questa sezione sono state raccolte varie SCHEDE TECNICHE, realizzate a cura dei ricercatori CREA, quale strumento di diffusione dei risultati scientifici e formazione con metodologie pratiche. Le schede rappresentano un utile, ma ovviamente non esaustivo, riferimento tecnico per ottenere  rapidamente informazioni su diversi temi di ricerca del CREA e per rendere accessibile al pubblico il suo patrimonio di know how.

Ricerca avanzata Schede Tecniche

24 risultati
Selvicoltura

Centri di ricerca: Foreste e Legno

Raggruppa le ricerche finalizzate alla conoscenza della struttura, dinamica evolutiva e caratteristiche bio-ecologiche dei boschi di origine naturale ed artificiale, diffusi soprattutto nell’area appenninica e mediterranea. Obiettivo generale è quello di individuare forme di trattamento sostenibili tali da assicurare la tutela ambientale, il rispetto delle esigenze sociali e la valorizzazione economica dei prodotti. Le principali ricerche afferenti a questo settore riguardano la selvicoltura dei boschi di latifoglie (12 schede) e in particolare: la gestione e la valorizzazione dei cedui (6 schede), la gestione dei boschi naturali, l’individuazione di strategie colturali a basso impatto (2 schede) e per la protezione delle specie nobili o rare (4 schede). Gli studi inerenti la selvicoltura dei boschi di conifere (6 schede) sono indirizzati alla messa a punto di tecniche colturali di rinaturalizzazione per migliorare stabilità e efficienza funzionale dei popolamenti.

Arboricoltura

Centri di ricerca: Foreste e Legno

Questo settore di ricerca appare strategico perché le produzioni legnose fuori foresta saranno sempre più determinanti per l’approvvigionamento di legno per usi industriali ed energetici, con ricadute positive rilevanti sull’economia locale e nazionale e sulla qualità ambientale. La pratica dell’ arboricoltura è strumento essenziale per diminuire la pressione produttiva sulle foreste e il conseguimento di accordi internazionali sulla protezione dell’ambiente. Le ricerche in atto riguardano la valorizzazione di specie a legname pregiato (4 schede), la produzione di quantità attraverso l’impiego di specie esotiche (1 scheda), il recupero di aree abbandonate o degradate (2 schede).

Ecologia e Monitoraggio

Centri di ricerca: Foreste e Legno

Le ricerche in atto sono finalizzate ad approfondire le conoscenze sullo stato biologico, funzionale e produttivo delle specie e tipologie forestali più rappresentative e diffuse (leccio, cerro, castagno, faggio, pino marittimo, pino domestico, abete bianco) e a verificare la sostenibilità bio-ecologica delle forme di trattamento e di gestione colturale applicate. Sono studiate anche foreste in regime di protezione, da parziale od orientato fino a integrale, dove la sospensione delle utilizzazioni e del trattamento hanno prodotto un’evoluzione ed una dinamica di tipo naturale.

Genetica e Conservazione

Centri di ricerca: Foreste e Legno

La tutela e la valorizzazione della biodiversità e delle risorse genetiche forestali viene realizzata in stretto rapporto con gli aspetti applicativi della filiera foresta-legno–ambiente. Le ricerche afferenti a questo tema riguardano: la protezione della biodiversità negli ecosistemi forestali; i rapporti tra vivaistica forestale, miglioramento genetico, valorizzazione e conservazione della biodiversità forestale; le indagini sul miglioramento e sulla valorizzazione del germoplasma forestale.

Selezione genetica e marker assisted selection

Anno di pubblicazione: 2018

Centri di ricerca: Genomica e Bioinformatica

Un breve filmato girato da RAI scuola presso la sede del Centro che illustra in modo sintetico il moderno lavoro di miglioramento genetico.

L'Agricoltura Conservativa

Anno di pubblicazione: 2013

Centri di ricerca: Ceralicoltura e Colture Industriali

L’Agricoltura Conservativa (AC) ha lo scopo di conservare, migliorare e rendere più efficiente l’uso delle risorse naturali attraverso una gestione integrata del suolo, dell’acqua e delle risorse biologiche congiuntamente ad input esterni. Essa contribuisce alla conservazione dell’ambiente e al miglioramento della produzione agricola. Michele Rinaldi - michele.rinaldi@crea.gov.it

Alimenti funzionali

Anno di pubblicazione: 2015

Centri di ricerca: Cerealicoltura e Colture Industriali

Grazie al piano strategico per l’innovazione e la ricerca nel settore agricolo alimentare e forestale (MiPAAF; 2015), presso il Laboratorio di Acireale sono stati ottenuti due alimenti funzionali entrambi a basso contenuto di sodio: il pane sapido e lo snack funzionale di grano duro, lupino e fibre di arancia. Alfio Spina alfio.spina@crea.gov.it

Micotossine nella granella di mais e di frumento

Anno di pubblicazione: 2010

Centri di ricerca: Cerealicolture e Colture Industriali

Finalità operative, punti critici ed interventi volti a ridurre la probabilità di incorrere in elevate contaminazioni da micotossine nella granella di mais e di frumento. Carlotta Balconi carlotta.balconi@crea.gov.it

Le varietà di frumento duro della Sicilia

Anno di pubblicazione: 2018

Centri di ricerca: Cerealicolture e Colture Industriali

Il gruppo di lavoro del Laboratorio Acireale (Catania) ha costituito tre varietà di frumento per gli areali mediterranei: Bronte, Sant’Agata e Ciclope. Massimo Palumbo, massimo.palumbo@crea.gov.it