Aggregatore Risorse

Save the date Agrometeorologia per una agricoltura climate smart 2021

Si terrà dall’8 al 19 marzo 2021 la prima edizione dell’International Advanced School of Agricultural Meteorology, dedicata a “AGROMETEOROLOGIA PER UN’AGRICOLTURA CLIMATE SMART”.

L’edizione 2021, organizzata dall’Associazione Italiana di Agrometeorologia (AIAM) in collaborazione WMO-RTC e FAO, è incentrata sul ruolo della agrometeorologia per un’agricoltura intelligente per il clima.

La Scuola internazionale di alta formazione vede il contributo di Filiberto Altobelli del CREA-Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia tra i membri del Comitato Scientifico, insieme a Anna Dalla Marta (Università di Firenze-DAGRI), Federica Rossi e Marina Baldi (CNR-IBE e WMO-RTC), Federica Matteoli (FAO).

Tra i docenti, figurano esperti di livello mondiale provenienti da università, istituti di ricerca, agenzie internazionali, nonché dalla FAO e dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Condividi
Save the date Agrometeorologia per una agricoltura climate smart 2021

L’obiettivo dichiarato è quello di fornire a ricercatori e professionisti, selezionati dal Comitato Scientifico, conoscenze e competenze innovative di alto livello sulle tecnologie più avanzate per l’analisi e il monitoraggio agrometeorologici, applicati a uno sviluppo agricolo sostenibile in grado di adattarsi e mitigare i cambiamenti climatici.

Attività teoriche e sessioni pratiche consentiranno di tradurre la conoscenza sul clima in azione sul campo, favorendo la partecipazione attiva e la realizzazione di un partenariato interdisciplinare tra tecnici e scienziati.

Sarà trattato un ampio spettro di argomenti:

• Concetto di Agricoltura Intelligente per il Clima e il processo in 5 fasi per l’implementazione del CSA;

• Eddy Covariance e tecniche di misurazione dei flussi di massa ed energia nell’ecosistema agricolo: teoria, progettazione sperimentale e applicazioni agricole ed ecologiche;

• Comunicazione degli impatti dei cambiamenti climatici sul settore agricolo, sistemi di allerta precoce e risposta rapida;

• Strutture e strumenti dell’Agenzia spaziale europea (ESA): Copernicus, database, applicazioni;

• Eventi estremi e impatti sugli agroecosistemi, modelli scientifici di analisi del rischio e modalità pratiche per adottarli nei processi decisionali;

• Strumenti assicurativi e meccanismi di finanziamento che mirano ad aumentare gli investimenti nel settore agricolo, fornendo al contempo risultati climatici positivi, come una maggiore resilienza e una riduzione dell’intensità delle emissioni.

Per informazioni contattare:  

filiberto.altobelli@crea.gov.it