Il nuovo portale

Il sito che state navigando è provvisorio e ha il compito di portarci al nuovo portale CREA a cui stiamo già lavorando.

Per descrivere efficacemente il ruolo e le attività di CREA

Vogliamo raccontare in maniera nuova e concreta la nostra missione e il suo impatto sui cittadini, spiegare approfonditamente i diversi ambiti in cui operiamo e come mettiamo in campo una serie di attività eterogenee, finalizzate sia ad una maggiore sostenibilità e competitività del sistema agroalimentare italiano, sia alla tutela del consumatore. Far comprendere come CREA si articoli in diversi Centri di ricerca con differenti specializzazioni, dando evidenza di quanto capillare sia la nostra presenza sul territorio e di quanto siano integrati i nostri studi, che vanno dal suolo che produce il cibo alla persona che se ne nutre. Intendiamo, inoltre, dare più visibilità ai Centri di ricerca, supportandoli con idonei strumenti informatici nella produzione di contenuti e nella comunicazione delle varie attività, in modo da stabilire un contatto ancora più diretto con tutti i portatori di interesse.

Per coinvolgere un maggior numero di utenti e per costruire con loro una relazione più stretta

Il nuovo sito avrà un linguaggio diretto e comprensibile e un’interfaccia funzionale ma distintiva. Sarà un canale idoneo ad offrire una posizione scientificamente autorevole e istituzionale su temi attuali di dibattito pubblico e avrà l’obiettivo di rafforzare la partnership con chi opera nel settore agroalimentare a vario livello, dal contadino al grande imprenditore agricoltore, dal trasformatore al distributore, dalle Istituzioni locali e nazionali a quelle comunitarie ed internazionali, senza mai dimenticare il consumatore.

Attraverso il portale vogliamo mettere a disposizione il nostro know-how per far crescere il comparto agroalimentare italiano e ampliare le attività di collaborazione internazionale con altri Enti e, al contempo, fornire sia servizi informativi che di monitoraggio, laboratori e consulenza.

Nome nuovo, storia antica

Il CREA si chiama così dall’Expo 2015 ma, seppure con nomi diversi, ci occupiamo ricerca in agricoltura da quando Cavour, Primo Ministro dell’Agricoltura del Regno d’Italia, ci costituì per essere più vicini agli allevatori e agli agricoltori. Infatti, con le nostre cattedre ambulanti, portavamo innovazione nelle campagne; mentre con i nostri studi in nutrizione, un secolo dopo, abbiamo contribuito a definire la dieta mediterranea, favorendone la sua consacrazione a regina degli stili alimentari salutari; abbiamo reso famoso il Made in Italy nel mondo, migliorando e conservando la tradizione enogastronomica del nostro Paese, i paesaggi colturali, le tradizioni ed il sapere.

Mettere il cittadino al centro

Più vicini al cittadino, fornendogli quel che serve davvero: informazione autorevole e facilmente reperibile, innovazione efficace, servizi puntuali e a portata di clic, massima trasparenza in tema di attività dell’Ente, progetti, risultati di ricerca, brevetti registrati, opportunità di lavoro.

Creare e trasferire innovazione

Mettere in luce l’importanza dei progetti di ricerca e innovazione nel campo dell’agricoltura, rendendone facilmente fruibili i risultati, supportando le imprese, assistendo gli agricoltori e gli allevatori, rassicurando il cittadino.

Scrolla all'inizio della pagina