Corso su "La mineralità dei vini" al CREA Viticoltura di Velletri

Chi non ha mai sentito parlare al giorno d’oggi della “mineralità” dei vini? Ma da dove proviene questa percezione? La composizione chimica del vino è molto varia e complessa: delle oltre 900 molecole differenti oramai identificate, spesso raggruppate in famiglie aromatiche o funzionali, molte sono già state ampiamente studiate e caratterizzate, definendo il loro apporto alle caratteristiche olfattive o gustative del vino.
D’altra parte, altri descrittori sensoriali, ad esempio proprio quello protagonista di questo incontro, la “mineralità”, non incontrano un chiaro consenso scientifico sulla propria origine e definizione. Tra gli operatori e gli appassionati del vino molti utilizzano questo descrittore, però sono pochi coloro che hanno chiaro il suo significato: la mancanza di una definizione realmente condivisa del termine si è così trasformata nel suo tallone di Achille, venendo spesso confuso col concetto di “terroir”.

Docente: dott. Antonio PALACIOS, Università della Rioja, Laboratorio Excell Ibérica (Spagna) Traduzione tecnica consecutiva: dott. Giuliano BONI, Vinidea

La durata del corso è di circa 4 ore.

Sede: CREA Velletri, Via cantina Sperimentale 1 - Velletri (Rm).

GUARDA IL PROGRAMMA IN ALLEGATO

stampa@crea.gov.it

Scrolla all'inizio della pagina