Il grano saraceno per la vita e per lo sport

Il grano saraceno migliora la qualità vita agli operati al pancreas

 

Il grano saraceno, con le sue elevate proprietà antiossidanti ed antinfiammatorie, può davvero contribuire a migliorare la qualità della vita di chi ha subito una resezione del pancreas. Sono i risultati di uno studio condotto dal Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea), con il suo Centro ricerca per gli alimenti e la nutrizione e dall'università di Roma Sapienza, con il Dipartimento di medicina interna, presentato al II Simposio Europeo sul grano saraceno.

Piero Chirletti, ordinario di Chirurgia Generale dell'ateneo romano, ha selezionato 18 pazienti, operati da 3 anni di resezione pancreatica, non sottoposti a chemioterapia e con un indice di massa corporea inferiore a 19. A 9 di loro, per un mese, è stato somministrato uno snack al giorno di 70 grammi di grano saraceno maltato, realizzato da Giovanni Bonafaccia, primo ricercatore Crea alimenti e nutrizione. Ai restanti 9, invece, è stato dato uno snack equivalente, ma a base di riso. Tutti i pazienti coinvolti sono stati attentamente monitorati prima, durante e dopo lo studio: hanno tenuto un diario alimentare, compilato un questionario sui disturbi gastrointestinali e uno sulla qualità della vita e si sono sottoposti a visite nutrizionali e ad una serie di analisi per la valutazione dell'assetto nutrizionale, infiammatorio e ossidativo.

I risultati hanno evidenziato che chi ha assunto le barrette di grano saraceno maltato - a differenza del gruppo di quelli con somministrazione di barrette di solo riso - ha migliorato il proprio stato nutrizionale, aumentando la capacità intestinale di assorbimento degli alimenti con un aumento della massa magra a discapito della massa grassa. Inoltre, i pazienti hanno riferito - dato fondamentale per una migliore qualità della vita - di una diminuzione dei dolori addominali, che purtroppo spesso si presentano dopo l'ingestione di cibo in chi ha subito questo tipo di interventi e una diminuzione consistente delle steatorree (feci con grassi non digeriti), tipiche di pazienti sottoposti ad asportazione totale del pancreas.

Scrolla all'inizio della pagina