Rassegne Stampa

Filtra per:

CREA

Il CREA su "Viversani": il pesce surgelato vale come quello fresco

Stefania Ruggeri, ricercatrice del CREA Alimenti e Nutrizione, intervistata dal magazine "Viversani", spiega che il pesce surgelato ha la stessa qualità di quello fresco, a patto che venga mantenuta la catena del freddo, in modo tale da preservare quasi tutte le proprietà nutrizionali e le caratteristiche organolettiche del prodotto. La nutrizionista poi, consiglia come sceglierlo, scongelarlo, conservarlo e cucinarlo.

CREA

Nutriscore: un'etichetta, tante perplessità

In occasione della registrazione ufficiale dell’iniziativa europea a favore dell’obbligo di un’etichettatura semplificata "NUTRISCORE", attualmente impiegata in Francia e Belgio, Andrea Ghiselli, dirigente di ricerca del CREA Alimenti e Nutrizione, intervistato da "Help Consumatori", dichiara che il Nutriscore è fuorviante per una corretta educazione alimentare dei consumatori.

CREA

Fragole a tavola, 7 italiani su 10 delusi dal sapore

Negli ultimi anni per il 72% dei consumatori il sapore delle fragole è notevolmente peggiorato, al punto che da cinque anni ad oggi gli acquisti sono scesi di circa 3 mila tonnellate. Il Crea sta studiando nuove varietà di fragole per restituire le proprietà sensoriali, la qualità, la sicurezza alimentare e l'assenza di residui di agrofarmaci

CREA

Il CREA su Radio Cusano Campus: il pane con fibre agli agrumi

Alfio Spina, ricercatore del CREA Cerealicoltura e Colture Industriali di Acireale, intervistato su Radio Cusano Campus", parla del pane di grano duro arricchito con fibre di agrumi, messo a punto dal team di ricercatori da lui guidato. Spina dichiara che è un alimento particolarmente indicato per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e ha una forte caratterizzazione ecologica, in quanto prodotto attraverso il riutilizzo e la valorizzazione del "pastazzo", costituito dagli scarti e dai sottoprodotti della lavorazione dell'industria agrumaria.

CREA

Il CREA al Villaggio della Terra su Rai News 24

Fabrizio Capoccioni, ricercatore del CREA Zootecnia e Acquacoltura, intervistato su Rai News 24, parla, dal Villaggio della Terra di Villa Borghese a Roma, delle attività relative al progetto SUSHIN, che ha come obiettivo quello di studiare nuovi ingredienti per un'acquacoltura sostenibile come il Gambero Rosso della Louisiana, una delle specie aliene più dannose per il nostro ecosistema.

CREA

Il CREA sul Corriere delle sera con l'inchiesta sull'avicoltura italiana

La ricercatrice di Zootecnia e Acquacoltura del CREA, Monica Guarino Amato, analizza il settore avicolo, spiegando che l'omologazione del gusto derivato dalle abitudini alimentari dei consumatori è legato al fatto che si consuma un'unica linea genetica a rapido accrescimento e commercializzata in tutta Europa. Il mercato alternativo pari all'1% è di tipo biologico e rurale

CREA

Quello che ti sei sempre chiesta sul pesce d'allevamento: il CREA su Sale&pepe

Fabrizio Capoccioni, ricercatore del centro Zootecnia e Acquacoltura del CREA, fa chiarezza su alcuni pregiudizi legati al pesce d'allevamento, che si trova in commercio tutto l’anno, a prezzi contenuti e con garanzie di sicurezza e tracciabilità. L'acquacoltura potrebbe aiutare l’Italia a ridurre la dipendenza dall’import (l’80% del pesce in vendita in Italia arriva dall’estero, e per metà è allevato), valorizzando maggiormente la nostra produzione nazionale, che all’estero è considerata un'eccellenza, in particolare per quanto riguarda spigole, orate, trote, salmerini e caviale.

CREA

Il CREA su Radio 24: Le virtù nutrizionali del pane di grano duro con fibre di agrumi

Alfio Spina, ricercatore del CREA Cerealicoltura e Colture Industriali di Acireale, ospite del programma "Obiettivo Salute" in onda su Radio 24, parla del pane di grano duro arricchito con fibre di agrumi, messo a punto dal team di ricercatori da lui guidato. Spina dichiara che è un alimento particolarmente indicato per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e ha una forte caratterizzazione ecologica, in quanto prodotto attraverso il riutilizzo e la valorizzazione degli scarti e dei sottoprodotti della lavorazione dell'industria agrumaria.

Scrolla all'inizio della pagina