Menù di navigazione

Zootecnia e Acquacoltura

Briciole di pane

Schede tecniche

Schede tecniche

Aggregatore Risorse

Migliorare benessere e salute dei suini - Manuale per allevatori bio - Autori vari

Anno di pubblicazione: 2015

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Il manuale “Migliorare benessere e salute dei suini - Manuale per allevatori bio” è frutto del progetto di ricerca FARM SPECIFIC STRATEGIES TO REDUCE ENVIRONMENTAL IMPACT BY IMPROVING HEALTH, WELFARE AND NUTRITION OF ORGANIC PIGS - ProPIG.

Si tratta di un manuale di semplice consultazione rivolto soprattutto ad agricoltori non specializzati nel settore della suinicoltura, ma che intendano avviare un allevamento condotto secondo il metodo biologico e siano disposti a prestare particolare attenzione al benessere degli animali come presupposto essenziale per una loro buona produttività.

Il testo è dunque ricco di consigli pratici e di immagini esplicative ed è organizzato in cinque sezioni: problemi di fertilità, diarrea, problemi respiratori, lesioni, altri problemi di salute e benessere.

Alimenti per il suino biologico - Manuale pratico a cura di Michele Comellini, Davide Bochiccio e Giacinto della Casa

Anno di pubblicazione: 2012

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Il progetto ALAPAS ha avuto la finalità di fornire un supporto agli allevatori di suini bio nelle scelte gestionali ed in particolare nella gestione dell'alimentazione degli animali.
Alcuni degli alimenti più largamente impiegati nella suinicoltura convenzionale possono presentare problemi di approvvigionamento la cui soluzione potrebbe non essere a breve termine. Un esempio a tutti noto è la Soia, l'alimento proteico più importante per la suinicoltura convenzionale, che secondo i dettami del biologico non deve provenire da sementi geneticamente modificate e non può essere sotto forma di farina di estrazione per la produzione della quali si utilizzano solventi. Vista la grande diffusione che ha raggiunto l’impiego di sementi OGM a livello internazionale, in particolare nel continente americano dal quale la suinicoltura italiana è grande importatrice di granelle di soia, è particolarmente probabile il rischio di un inquinamento accidentale da parte di soia GM anche del prodotto biologico, legato soprattutto allo stoccaggio e alla movimentazione delle granelle; per questo motivo il Ministero delle politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha finanziato un progetto del CRA per approfondire le conoscenze sulla possibilità di formulare mangimi per suini senza far ricorso a prodotti derivati dalla soia. 
Per questi motivi si è ritenuto opportuno produrre questo volumetto che raccoglie informazioni circa le caratteristiche e l’utilizzazione dei principali alimenti per il suino, per ognuno dei quali si sono condensate in due pagine le notizie di carattere agronomico e bromatologico e le possibilità e i limiti di utilizzazione. 
Esso è stato compilato nell'ambito del progetto “ALAPAS” da parte del CRA Unità di ricerca per la suinicoltura ricercando nella bibliografia nazionale ed internazionale notizie, anche storiche, su tali alimenti e facendo ricorso alla collaborazione del Centro Ricerche Produzioni Animali di Reggio Emilia, per la sua esperienza nell'ambito della suinicoltura in generale e della suinicoltura biologica in particolare. Il volumetto non ha, ovviamente, la pretesa di essere una summa dettagliata di tutte le conoscenze su tali alimenti, ma di fornire uno strumento di rapida consultazione ed orientamento per gli allevatori in particolare per quegli alimenti (quali ad esempio le castagne, le ghiande, gli erbai, il topinambur) che non trovano impiego frequente nella suinicoltura convenzionale. 
Gli allevatori potranno approfondire gli argomenti di loro interesse sull’ampia bibliografia e manualistica esistente, una sintesi della quale è allegata alla pubblicazione. 
Nell’ambito del progetto ALAPAS è stata anche condotta un'indagine sui cicli produttivi delle diverse tipologie di allevamento riscontrate nella suinicoltura biologica, allo scopo di individuare quali azioni migliorative possano essere suggerite per migliorarne l’efficienza soprattutto in funzione dell‘utilizzazione delle risorse alimentari fornite dai terreni facenti parte dell'allevamento. 
Nel presente volume sono riportati i casi di studio più interessanti che sono emersi dall'indagine. L'orizzonte temporale nel quale si è svolto il progetto ALAPAS è piuttosto ristretto, se si considera che una valutazione della produttività di pascoli e boschi può essere condotta solo su base poliennale. Esso ha però consentito di impostare un interessante lavoro metodologico e di intrecciare con gli allevatori coinvolti quel rapporto di collaborazione che è alla base di qualsiasi lavoro di supporto tecnico.

Caciocavallo podolico

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Caprino a costa fiorita

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Caprino spalmabile

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Casieddu

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Semicotto caprino

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura

Caciotte caprino

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Zootecnia e Acquacoltura