Aggregatore Risorse

null Il CREA per la valorizzazione delle superfici olivicole del Salento nel post CoDIRO

Il CREA per la valorizzazione delle superfici olivicole del Salento nel post CoDIRO

Il CREA Agricoltura e Ambiente ha concluso l’analisi agro-ambientale a supporto del rilancio dell’olivicoltura nel Salento con il progetto EZIOCONTROL

Condividi

L’attività di ricerca è partita nel 2017 quando, dopo alcuni anni di dibattiti e incertezze, si era giunti alla identificazione certa dell’agente responsabile (Xylella fastidiosa) e della dinamica del patogeno, oltre alle evidenze della gravità e della diffusione del CoDIRO sul territorio. Pertanto, l’attività di ricerca proposta all’origine è stata ri-modulata in funzione del reimpianto e della futura messa in coltivazione degli oliveti devastati da Xylella fastidiosa. E’ stato svolto un monitoraggio agro-ambientale su oliveti della zona infetta da Xyella al 2017. Lo studio, oltre alle classiche proprietà chimico-fisiche dei suoli ha considerato anche aspetti di idrologia, microbiologia e meta-genomica. Tali dati sono poi stati analizzali con approccio multivariato. Non è stata trovata nessuna differenza fra i suoli di oliveti con e senza sintomi di CoDIRO. Per data tessitura del suolo, la capacità di trattenere acqua facilmente disponibile per le piante degli oliveti salentini è risultata influenzata dalla gestione e dall’ambiente. In particolare, la lavorazione superficiale (minimum tillage) ha ottimizzato la capacità di trattenere l’acqua nello strato coltivato rispetto a quelli non lavorati da lungo tempo. Infine, nonostante si sia operato in un ambiente dove il contenuto di sostanza organica è ai limiti della desertificazione, è stato evidenziato che i suoli dei vecchi oliveti salentini posseggono popolazioni microbiche autoctone in grado promuovere la radicazione di giovani piante della selezione di Olivo FS-17 brevetto CNR 1165 “Favolosa” tollerante a Xylella. I risultati di questa ricerca indicano quanto l’intervento antropico molto può ancora incidere sulla gestione degli oliveti salentini e che la ricerca può supportare strategie regionali per il rilancio della olivicoltura nel Salento.

Per approfondimenti si rimanda alle pubblicazioni disponibili ai seguenti links https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1470160X19304753

https://www.mdpi.com/2073-4395/10/2/177

Progetto finanziato dalla regione Puglia con il bando del 2015 finalizzato al contenimento e alla prevenzione del CoDIRO. Coordinamento Dipartimento di Scienze Agrarie, degli Alimenti e dell'Ambiente, Università di Foggia

Per informazioni contattare:  

 luisamaria.manici@crea.gov.it 

mirko.castellini@crea.gov.it