Aggregatore Risorse

null 1920-2020: La Maiscoltura di Bergamo festeggia il suo centenario all’Orto Botanico “Lorenzo Rota”

1920-2020: La Maiscoltura di Bergamo festeggia il suo centenario all’Orto Botanico “Lorenzo Rota”

Nella stupenda cornice della Valle della Biodiversità di Astino (sezione distaccata dell’Orto Botanico), il CREA sede di Bergamo organizza un pomeriggio divulgativo che prevede la raccolta partecipata del Mais Biodiverso, un incontro con i ricercatori in cui si parlerà della cooperazione internazionale sulle risorse genetiche del mais e della sua protezione fitosanitaria grazie a composti bioattivi provenienti da altre colture agro-industriali.
Gli ingressi saranno contingentati e durante l’incontro è preferibile indossare i DPI opportuni e mantenere le distanze di sicurezza.

INGRESSO LIBERO

Condividi

Tipologia di evento: Open Day

Quando: sabato 10 ottobre 2020 - ore: 14:30

Dove: Orto Botanico di Bergamo -Sezione di Astino

In coincidenza con i 100 anni di storia della sede CREA del Centro di Cerealicoltura e Colture Industriali di Bergamo, dopo la raccolta partecipata delle varietà di mais coltivate nel corso della primavera-estate 2020 presso la Valle della Biodiversità, saranno illustrati i contenuti del progetto di cooperazione internazionale “Piccoli Semi Grandi Opportunità – agro ecologia campesina famigliare e filiere a km 0 in Bolivia” (2019-2021), finanziato dalla Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS), con capofila A.S.P.Em – Associazione Solidarietà Paesi Emergenti e CREA Sede di Bergamo, referente scientifico e tecnico. Uno degli obiettivi del progetto condiviso tra Italia e Bolivia consiste nell’incrementare le risorse genetiche presenti nella Banca del Germoplasma del CREA di Bergamo con germoplasma “criollo” boliviano, al fine di costituire nuove varietà pigmentate di mais, tipo “morado” a colorazione viola, ricco di antociani, composti vegetali bioattivi che grazie alla loro proprietà antiossidante sono in grado di proteggere le cellule neutralizzando i radicali liberi, mostrando così potenzialità salutistiche per l’organismo umano.

Un aspetto importante per poter disporre di mais adeguato all’alimentazione implica la protezione della coltura da attacchi di patogeni fungini e di insetti. In questo contesto sarà presentato il progetto triennale SUSINCER (2020-2023) coordinato dal CREA – Cerealicoltura e Colture Industriali promosso e finanziato  dalla Fondazione Cariplo, che mira a valorizzare gli scarti agro-industriali ad alto valore aggiunto con lo scopo di orientare le produzioni cerealicole verso una gestione a ridotto impatto ambientale con concomitante adozione di una difesa fitosanitaria più sostenibile.

 

Per informazioni contattare:  

daniela.pacifico@crea.gov.it 

Documenti allegati