Aggregatore Risorse

null Gelsibachicoltura: anche il CREA espone al MoMa

Gelsibachicoltura: anche il CREA espone al MoMa

Il CREA, Agricoltura e Ambiente di Padova, grazie alla collaborazione con il Mediated Matter Group del MIT (Massachusetts Institute of Technology) di Boston, ha contribuito alla realizzazione di un'istallazione artistica utilizzando la seta. L'inaugurazione della mostra si svolgerà il 26 febbraio al MoMa di New York

Condividi

Dalla conoscenza della biologia del baco da seta (programmazione del ciclo per ottenere il numero desiderato di larve ad o stadio di maturazione, a intervalli calcolati precisamente, e guidare la filatura della larva in relazione a stimoli fisico-ambientali) al laboratorio dotato di materiale biologico (uova di baco da seta), da potere fare schiudere in maniera programmata realizzando allevamenti con diverse tecnologie consolidate (foglia di gelso o dieta artificiale). Queste sono le competenze che il CREA, Agricoltura e Ambiente, ha messo a disposizione del Mediated Matter Group del MIT di Boston, il gruppo che si occupa di design e materiali innovativi, ispirati dalla natura, per creare strumenti e tecnologie di costruzione per incrementare il livello di relazione tra gli ambienti naturali e quelli creati dall’uomo.

Dopo una prima fase di sperimentazione (un'opera, consistente in due pannelli, esposti alla triennale di Milano da Marzo a Settembre 2019), in un’azienda del Gruppo operativo Serinnovation, è stata realizzata, dal Mediated Matter Group in collaborazione con il CREA, l'istallazione che verrà presentata il 26 febbraio, utilizzando larve allevate nei laboratori del CREA e successivamente trasferite nell’azienda agricola.  Lo staff del CREA ha lavorato in stretta connessione con i ricercatori del Mediated Matter Group, per ottenere la filatura in piatto delle larve.

 

Nelle foto i due pannelli sperimentali, interamente realizzati al CREA, nelle strutture d’allevamento di questo laboratorio, nutrendo le larve con la dieta artificiale il cui brevetto è stato conseguito dai ricercatori di Padova.

Per informazioni contattare:  

stampa@crea.gov.it