Menù di navigazione

Agricoltura e Ambiente

Briciole di pane

Aggregatore Risorse

Albo Nazionale degli Allevatori di Api Italiane

Descrizione

Cos'è

L’Albo nazionale degli allevatori di api regine, istituito nel 1997 dall’ex Istituto Nazionale di Apicoltura, oggi CREA-AA, ha cambiato la sua denominazione in Albo Nazionale degli Allevatori di Api Italiane in seguito alla modifica del disciplinare approvato dal MIPAAF il 30 gennaio 2013. L’ Albo è lo strumento istituzionale per la valorizzazione e la tutela del prezioso patrimonio genetico delle razze autoctone di api italiane: Apis mellifera ligustica e Apis mellifera siciliana. L’intento dell’Albo è quindi quello di fornire un supporto agli allevatori iscritti al fine di produrre api che sotto il profilo biologico, genetico e sanitario possano soddisfare le necessità del settore apistico nazionale ed estero, conservando allo stesso tempo l’integrità del ricco patrimonio genetico delle api italiane.

Struttura
L'Albo è strutturato in due sezioni corrispondenti alle razze di api autoctone nel territorio italiano:

- sezione Apis mellifera ligustica
- sezione Apis mellifera siciliana

Disciplinare

N.B. Nel documento pdf è riportata la dicitura CRA-API. Si fa presente che dal 2017 al centro di Ricerca CREA-Agricoltura e Ambiente afferisce l’Unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura CREA-API (ex CRA-API).

Allo svolgimento delle attività dell'Albo provvedono tre organi diversi per competenze e livelli di intervento: la Commissione Tecnica Centrale, l'Ufficio Centrale, il Corpo degli Esperti.

Cosa offre

L’adesione all’Albo – e quindi l’impegno a lavorare conformemente agli scopi dello stesso – rappresentano una garanzia sia per l’allevatore che per gli utilizzatori finali.

L’iscrizione all’Albo prevede infatti:

  • periodici controlli biometrici e genetici sulla popolazione soggetta a selezione, per garantire una conformità del prodotto agli standard di razza;

  • un programma di valutazione delle colonie sottoposte a selezione basato su criteri oggettivi, per garantire il progressivo miglioramento delle caratteristiche considerate;

  • incontri di formazione e confronto per gli allevatori iscritti;

  • divulgazione delle attività connesse all’Albo e possibilità da parte degli iscritti di utilizzare il logo dell’Albo.

Come iscriversi

Requisiti per l’ammissione all’Albo

Possono essere ammessi all'Albo gli allevatori di api regine in possesso dei seguenti requisiti di ordine giuridico, sanitario e tecnico:

  • Partita Iva;

  • almeno 100 alveari registrati presso ASL;

  • essere allevatore da almeno 3 anni, con una vendita e/o autoconsumo documentati di api regine e/o sciami artificiali e/o pacchi d’ape purché provvisti di regine del proprio allevamento;

  • allevare colonie d'api rispondenti ai caratteri di razza delle api italiane.

 

Come richiedere l’iscrizione

1) scaricare e compilare le schede di iscrizione all’Albo:

2) inviare alla Segreteria Albo Nazionale degli Allevatori di Api Italiane:

3) successivamente ad un’esame della relazione potranno avere luogo alcuni accertamenti per verificare che l’azienda risponda ai requisiti biotecnici necessari ad una produzione qualificata:

  • l’ammissione all’Albo viene deliberata dalla CTC

Valutazione genetica: banca dati

Consulta la Banca Dati al link http://www2.hu-berlin.de/beebreed/ZWS/

Cos'è la Banca Dati
Contenuto

Nella Banca Dati sono riportati i valori riproduttivi (o genetici) di regine che hanno fatto parte del programma di valutazione gestito dall’Albo.

Origine dei dati
Dalle regine madri selezionate dagli allevatori vengono prodotti gruppi di regine sorelle, le quali vengono valutate in parte dall’allevatore stesso (1/3) ed in parte, in maniera anonima, da apicoltori appartenenti a Centri di Valutazione.

Elaborazione dei dati
I dati ottenuti dalle valutazioni vengono elaborati utilizzando il modello statistico BLUP, opportunamente modificato da Bienefeld et al. (2007) per tenere conto degli effetti separati sul comportamento di una colonia delle regine e delle operaie. I risultati dell’elaborazione dei dati consistono nel valore riproduttivo o valore genetico (VG) che viene assegnato ad ogni regina sottoposta alla valutazione.

Significato e interpretazione dei dati
I valori genetici di ogni regina sono calcolati separatamente per ogni carattere valutato, e stimano quali siano le probabilità che il carattere venga trasmesso alla discendenza. In altre parole stimano le probabilità che le figlie siano mediamente migliori o peggiori rispetto alla media della popolazione.
Nella Banca Dati i valori riproduttivi sono riportati come percentuale rispetto alla media degli ultimi 5 anni. Un valore superiore a 100% indica che per quel carattere la regina è migliorativa, mentre un valore inferiore indica che è peggiorativa.

Come usare la Banca Dati
Nella Banca Dati potrete scegliere tra 3 opzioni:

• Scelta delle regine per allevatore o per valore riproduttivo
Questa opzione consente di effettuare ricerche specifiche o di visualizzare le regine corrispondenti ad un determinato parametro: per esempio si possono visualizzare tutte le regine allevate in una determinata regione, oppure da un determinato allevatore, oppure nate in un determinato anno, o anche tutte queste opzioni insieme.
Alternativamente o in aggiunta a questo tipo di ricerca le regine possono essere anche visualizzate in base alle caratteristiche valutate: si può quindi inserire un valore riproduttivo per uno o più caratteri e verranno elencate tutte le regine che hanno un valore riproduttivo corrispondente o superiore a quello richiesto. Anche in questo caso si possono imporre più criteri.

• Pedigree e valori riproduttivi di una determinata regina
Selezionando questa opzione si può visualizzare l’intero pedigree di una determinata regina.


• Valori riproduttivi e coefficienti di consanguineità di potenziali discendenze
Questa opzione è utile nei casi in cui ci sia possibilità di controllare l’accoppiamento. Infatti è possibile calcolare i valori genetici potenziali della progenie risultante dall’accoppiamento tra determinati riproduttori, ed eventualmente il grado di consanguineità presente (viene calcolato solo nei casi di accoppiamento controllato).

Contatti

Dott.ssa Cecilia Costa

phone
+39 051 35310302