Menù di navigazione

Briciole di pane

Aggregatore Risorse

Disciplina Sementiera - Normative Comunitarie

Descrizione

Normative Comunitarie

DIRETTIVE    SEMENTIERE    DI    BASE SULLA COMMERCIALIZZAZIONE DELLE SEMENTI NELL'UNIONE EUROPEA

 

Direttiva 66/401/CEE del Consiglio, del 14 giugno 1966, relativa alla commercializzazione delle sementi di piante foraggere. (GU  P  125  dell'11-7-1966) * 
 

* Modificata da ultimo da:
Direttiva di esecuzione (UE) 2016/2109 della Commissione, del 1°dicembre 2016, che modifica la direttiva 66/401/CEE del Consiglio per quanto riguarda l'inclusione di nuove specie e la denominazione botanica della specie Lolium x boucheanum Kunth

aggiornato al 29/12/2017



Direttiva 2002/53/CEE del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa al catalogo comune delle varietà delle specie di piante agricole. (GU  L 193 del 20 -7-2002)


Direttiva 2002/54/CE del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa alla commercializzazione delle sementi di barbabietole.  L 193 del 20 -7-2002)

aggiornato al 29/12/2017


Direttiva 2002/55/CE  del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa alla commercializzazione delle sementi di ortaggi. (GU  L 193 del 20.7.2002)
aggiornato al 29/12/2017


Direttiva 2002/56/CE  del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa alla commercializzazione dei tuberi seme di patate.  (GU  L 193 del 20 -7-2002)
aggiornato al 29/12/2017


Direttiva 2002/57/CE del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa alla commercializzazione delle sementi di piante oleaginose e da fibra. (GU  L 193 del 20 -7-2002) 
aggiornato al 29/12/2017

Misure applicative delle direttive sementiere di base sulla commercializzazione delle sementi nell'Unione Europea

aggiornato al 29/05/2019

 

1) INFORMAZIONI UFFICIALI PRESCRITTE PER LE ETICHETTE UFFICIALI DI CERTIFICAZIONE APPOSTE IN MODO INDELEBILE SULLE CONFEZIONI

80/755/CEE Decisione della Commissione del 17 luglio 1980 che autorizza l'apposizione delle indicazioni prescritte sugli imballaggi delle sementi di cereali. 
(testo consolidato)

97/125/CE * Decisione della Commissione del 24 gennaio 1997 che autorizza l'apposizione delle indicazioni prescritte sugli imballaggi delle sementi di piante oleaginose e da fibra recante modifica della decisione 87/309/CEE che autorizza l'apposizione delle indicazioni prescritte sugli imballaggi delle sementi di alcune specie di piante foraggere.
* l'articolo 2 è stato abrogato dalla decisione della Commissione 2004/266/CE

2004/266/CE Decisione della Commissione del 17 marzo 2004 che autorizza l'apposizione indelebile delle indicazioni prescritte sugli imballaggi delle sementi di piante foraggere.


2) SISTEMI DI CHIUSURA DELLE CONFEZIONI

81/675/CEE Decisione della Commissione del 28 luglio 1981 che costata che alcuni sistemi di chiusura sono "sistemi di chiusura non riutilizzabili" ai sensi delle direttive 66/400/CEE (sostituita dalla direttiva 2002/54/CE), 66/401/CEE, 66/402/CEE, 69/208/CEE (sostituita dalla direttiva 2002/57/CE) e 70/458/CEE (sostituita dalla direttiva 2002/55/CE) del Consiglio. 
(testo consolidato)


3) MISCUGLI DI SEMENTI

2004/371/CE Decisione della Commissione del 20 aprile 2004 relativa alle condizioni per l'immissione sul mercato di miscugli di sementi destinati ad essere utilizzati come piante foraggere.
 

2010/60/UE Direttiva della Commissione del 30 agosto 2010 che dispone deroghe per la commercializzazione delle miscele di sementi di piante foraggere destinate ad essere utilizzate per la preservazione dell'ambiente naturale. 
 

2011/180/UE Decisione della Commissione del 23 marzo 2011 che stabilisce le modalità d'applicazione della direttiva 2002/55/CE del Consiglio per quanto riguarda le condizioni alle quali è autorizzata la commercializzazione di piccoli imballaggi di miscugli di sementi standard di più varietà della stessa specie.
 


4) REGIME DI EQUIVALENZA CON I PAESI TERZI

2003/17/CE Decisione del Consiglio del 16 dicembre 2002 relativa all'equivalenza delle ispezioni in campo delle colture di sementi effettuate in paesi terzi e all'equivalenza delle sementi prodotte in paesi terzi.
(testo consolidato)

2004/117/CE Direttiva del Consiglio del 22 dicembre 2004 che modifica le direttive 66/401/CEE, 66/402/CEE, 2002/54/CE, 2002/55/CE e 2002/57/CE per quanto riguarda gli esami eseguiti sotto sorveglianza ufficiale e l'equivalenza delle sementi prodotte in paesi terzi.

2005/834/CE Decisione del Consiglio dell' 8 novembre 2005 relativa all'equivalenza dei controlli selle selezioni conservatrici effettuati in paesi terzi e che modifica la decisione 2003/17/CE.
(testo consolidato)

2005/908/CE Decisione della Commissione, del 14 dicembre 2005, che modifica la direttiva 2002/56/CE del Consiglio relativamente alla data indicata all'articolo 21, paragrafo 3, termine entro il quale gli Stati membri sono autorizzati a prorogare il periodo di validità delle decisioni sull'equivalenza dei tuberi-seme di patate provenienti da paesi terzi.

2006/545/CE Decisione del Consiglio del 18 luglio 2006 relativa all'equivalenza degli esami ufficiali delle varietà effettuati in Croazia

2011/820/UE Decisione di esecuzione della Commissione, del 7 dicembre 2011, che modifica la direttiva 2002/56/CE del Consiglio per quanto riguarda la data fissata nell'articolo 21, paragrafo 3, entro il quale gli Stati membri sono autorizzati a prorogare la validità delle decisioni sull'equivalenza dei tuberi-seme di patate provenienti da paesi terzi 

1105/2012/UE Decisione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 21 novembre  2012 che modificala decisione 2003/17/CE del Consiglio estendendo il periodo della sua applicazione e aggiornando i nomi di un paese terzo e delle autorità incaricate di certificare e controllare la produzione.
 


5) CARATTERI E CONDIZIONI MINIME PER L'ISCRIZIONE AL REGISTRO DI VARIETÀ DI SPECIE AGRARIE E ORTIVE

2003/90/CE * Direttiva della Commissione del 6 ottobre 2003 che stabilisce modalità di applicazione dell'articolo 7 della direttiva 2002/53/CE del Consiglio per quanto riguarda i caratteri minimi sui quali deve vertere l'esame e le condizioni minime per l'esame di alcune varietà delle specie di piante agricole 
(testo consolidato)
 

2003/91/CE Direttiva della Commissione del 6 ottobre 2003 che stabilisce modalità di applicazione dell'articolo 7 della direttiva 2002/55/CE del Consiglio per quanto riguarda i caratteri minimi sui quali deve vertere l'esame e le condizioni minime per l'esame di alcune varietà delle specie di ortaggi 
(testo consolidato)

2015/1168/UE Direttiva di Esecuzione della Commissione del 15 luglio 2015 recante modifica delle direttive 2003/90/CE e 2003/91/CE, che stabiliscono modalità di applicazione rispettivamente dell'articolo 7 della direttiva 2002/53/CE e 2002/55/CE del Consiglio e dell'articolo 7 della direttiva 2002/55/CE del Consiglio per quanto riguarda i caratteri minimi sui quali deve vertere l'esame e le condizioni minime per l'esame di alcune varietà delle specie di piante agricole e di ortaggi 
 


6) CLASSI COMUNITARIE DI TUBERI-SEME DI BASE DI PATATA

93/17/CEE Direttiva della Commissione, del 30 marzo 1993, che determina classi comunitarie di tuberi-seme di base delle patate, nonchè i relativi requisiti e le relative denominazioni

2004/3/CE Decisione della Commissione del 19 dicembre 2003 che autorizza, per la commercializzazione di tuberi-seme di patate nella totalità o in parte del territorio di taluni Stati membri, l'adozione di misure più rigorose di quelle previste negli allegati I e II della direttiva 2002/56/CE del Consiglio contro alcune malattie
 


7) SEMENTI CON REQUISITI RIDOTTI: AUTORIZZAZIONE TEMPORANEA ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

217/2006/CE Regolamento della Commissione dell'8 febbraio 2006 che stabilisce norme per l'applicazione delle direttive 66/401/CEE, 66/402/CEE, 2002/54/CE, 2002/55/CE e 2002/57/CE per quanto riguarda l'autorizzazione agli stati membri di permettere la commercializzazione temporanea delle sementi non conformi alle prescrizioni relative alla facoltà germinativa minima
 

2011/164/UE Decisione della Commissione del 16 marzo 2011 che dispone la commercializzazione temporanea di talune sementi di Triticum aestivum che non soddisfano i requisiti della direttiva 66/402/CEE del Consiglio
 


8) AVENA FATUA NELLE SEMENTI DI CEREALI

2005/200/CE Decisione della Commissione del 2 marzo 2005 che autorizza l'Estonia, la Lettonia, la Lituania e Malta ad adottare prescrizioni più restrittive per quanto riguarda la presenza di Avena fatua nelle sementi di cereali 

2006/47/CE Direttiva della Commissione del 23 maggio 2006 che fissa le condizioni particolari sulla presenza di Avena fatua nelle sementi di cereali
 


9) DENOMINAZIONI VARIETALI

637/2009/CE Regolamento della Commissione del 22 luglio 2009 che stabilisce le modalità di applicazione per quanto riguarda l'ammissibilità delle denominazioni varietali delle specie di piante agricole e delle specie di ortaggi (testo consolidato) 
 


10) AUTORIZZAZIONE PROVVISORIA ALLA VENDITA

2004/842/CE Decisione della Commissione del 10 dicembre 2004 relativa alle norme di applicazione con cui gli Stati membri possono autorizzare la commercializzazione di sementi appartenenti a varietà per le quali sia stata presentata una domanda di iscrizione nel catalogo nazionale delle varietà delle specie di piante agricole o delle specie di ortaggi 
 


11) CERTIFICAZIONE VARIETALE OBBLIGATORIA

2008/124/CEE Direttiva della Commissione, del 18 dicembre 2008, che limita la commercializzazione delle sementi di talune specie di piante foraggere, oleaginose e da fibra alle sementi ufficialmente certificate "sementi di base" o "sementi certificate" (versione codificata)
 


12) DISPENSA A TALUNI STATI MEMBRI DALL’APPLICAZIONE DELLE DIRETTIVE SEMENTIERE DETERMINATE SPECIE

2010/680/UE Decisione della Commissione, del 9 novembre 2010, che dispensa la Bulgaria, la Repubblica ceca, la Danimarca, la Germania, l'Estonia, l'Irlanda, la Spagna, la Francia, Cipro, la Lettonia, la Lituania, Malta, i Paesi Bassi, la Polonia, la Slovenia, la Slovacchia, la Finlandia, la Svezia e il Regno Unito dall’obbligo di applicare ad alcune specie le direttive 66/401/CEE, 66/402/CEE, 68/193/CEE, 1999/105/CE, 2002/54/CE, 2002/55/CE e 2002/57/CE del Consiglio relative, rispettivamente, alla commercializzazione delle sementi di piante foraggere, delle sementi di cereali, dei materiali di moltiplicazione vegetativa della vite, dei materiali forestali di moltiplicazione, delle sementi di barbabietole, delle sementi di ortaggi e delle sementi di piante oleaginose e da fibra
 


13) CARTELLINO UFFICIALE INTEGRATO CON IL PASSAPORTO DELLE PIANTE

92/105/CEE Direttiva della Commissione del 3 dicembre 1992, relativa ad una limitata uniformazione dei passaporti delle piante da utilizzare per il trasporto di determinati vegetali, prodotti vegetali od altre voci all’interno della Comunità e che stabilisce le procedure per il rilascio di tali passaporti nonchè le condizioni e le procedure per la loro sostituzione
 

2005/17/CE Direttiva della Commissione del 2 marzo 2005, che modifica alcune disposizioni della direttiva 92/105/CEE per quanto riguarda i passaporti delle piante
 


14) VARIETÀ DA CONSERVAZIONE

2008/62/CE Direttiva della Commissione del 20 giugno 2008, recante deroghe per l’ammissione di ecotipi e varietà agricole naturalmente adattate alle condizioni locali e regionali e minacciate di erosione genetica, nonchè per la commercializzazione di sementi e di tuberi di patata a semina di tali ecotipi e varietà
 

2009/145/CE Direttiva della Commissione del 26 novembre 2009, che prevede talune deroghe per l’ammissione di ecotipi e varietà vegetali tradizionalmente coltivati in particolari località e regioni e minacciati dall'erosione genetica, nonchè di varietà vegetali prive di valore intrinseco per la produzione vegetale a fini commerciali ma sviluppate per la coltivazione in condizioni particolari e per la commercializzazione di sementi di tali ecotipi e varietà.  
 


15) ESPERIMENTI TEMPORANEI

2009/109/CE Decisione della Commissione del 9 febbraio 2009, riguardante l’organizzazione di un esperimento temporaneo che prevede alcune deroghe per la commercializzazione di miscugli di sementi destinati ad essere utilizzati come piante foraggere a norma della direttiva 66/401/CEE del Consiglio al fine di determinare se talune specie non elencate nelle direttive 66/401/CEE, 66/402/CEE, 2002/55/CE o 2002/57/CE del Consiglio soddisfino i requisiti per essere incluse nell’articolo 2, paragrafo 1, punto A della direttiva 66/401/CEE
 

2012/340/UE Decisione di esecuzione della Commissione del 25 giugno 2012 relativa all’organizzazione di un esperimento temporaneo a norma delle direttive 66/401/CEE, 66/402/CEE, 2002/54/CE, 2002/55/CE e 2002/57/CE del Consiglio per quanto riguarda l’ispezione in campo sotto sorveglianza ufficiale di sementi di base e di sementi selezionate di generazioni anteriori alle sementi di base
 

2018/1519/UE Decisione di esecuzione della Commissione del 9 ottobre 2018 che modifica la decisione di esecuzione 2014/150/UE relativa all'organizzazione di una sperimentazione temporanea che prevede alcune deroghe per la commercializzazione di popolazioni delle specie vegetali frumento, orzo, avena e granturco a norma della direttiva 66/402/CEE del Consiglio

 


16) COMMERCIALIZZAZIONE TEMPORANEA DI VARIETA' NON ISCRITTE

2010/468/UE Decisione della Commissione del 27 agosto 2010, che prevede la commercializzazione temporanea di varietà di Avena strigosa Schreb. non incluse nel catalogo comune delle varietà delle specie di piante agricole o nei cataloghi nazionali delle varietà degli Stati membri

 


17) COMMERCIALIZZAZIONE DELLE PIANTINE DI ORTAGGI E DEI MATERIALI DI MOLTIPLICAZIONE DI ORTAGGI AD ECCEZIONE DELLE SEMENTI

2008/72/CE Direttiva della Commissione del 15 luglio 2008 relativa alla commercializzazione delle piantine di ortaggi e dei materiali di moltiplicazione di ortaggi, ad eccezione delle sementi