Briciole di pane

Aggregatore Risorse

PROJECT INTESA “Best Practices Exchange Conference on soilless crops in the Mediterranean”

Il CREA, con il suo Centro Difesa e Certificazione, partecipa all'interno del progetto INTESA “Innovazione nelle tecnologie a sostegno dello sviluppo sostenibile dell'agroindustria”: come testare un modello di coltivazione sostenibile per la produzione di ortaggi di alta qualità 

Condividi
PROJECT INTESA “Best Practices Exchange Conference on soilless crops in the Mediterranean”

Tipologia di evento: Convegno

Quando: venerdì 26 marzo 2021 - ore: 15:00

Dove: Webinar - on line

Il progetto INTESA “Innovazione nelle tecnologie a sostegno dello sviluppo sostenibile dell'agroindustria” è un partenariato pubblico privato finanziato dai fondi europei FESR attraverso il programma di cooperazione transfrontaliera ENI Italia Tunisia, per promuovere la formazione, la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione nel comparto agroalimentare (il primo evento di lancio è stato realizzato il 1° febbraio 2021 a Tunisi).
Il progetto, partito ad Agosto 2020, coinvolge in Sicilia la provincia di Ragusa e in Tunisia i governatorati di Tunisi, Manouba e Sfax tutti territori a forte vocazione serricola per la produzione di ortaggi. In Sicilia l’impianto pilota verrà realizzato presso la OP Moncada con il supporto scientifico dei ricercatori Giovanni Gugliuzza e Antonio Giovino del Centro di ricerca CREA Difesa e Certificazione di Bagheria (PA) e della So.Sv.I. di Ragusa. In Tunisia sarà effettuato un upgrade della serra sperimentale presente a Manouba, che è stata oggetto di studio durante il passato progetto Agriponic (www.agriponic.eu).
La provincia di Ragusa ospita oltre il 50% delle produzioni protette della Sicilia ed è qui che nascerà una serra idroponica che possa essere da modello per rendere sostenibile le produzioni orticole del futuro. Un laboratorio aperto all’innovazione al confronto e al dialogo con le Istituzioni, con i Centri di Ricerca e con i consumatori, anello fondamentale per un mercato che cerca sempre più la qualità e la sostenibilità dei prodotti.
All’interno della serra verrà realizzato un impianto di coltivazione a ciclo chiuso senza substrato che unisce il sistema aeroponico e l’NFT(nutrient film tecnique).
Il modello consentirà di aumentare la sostenibilità ambientale attraverso il risparmio idrico, la riduzione dei rifiuti, l’efficienza energetica e la riduzione di patogeni e fitofagi; garantendo allo stesso tempo elevati standard qualitativi del prodotto (es. nichel free).
I sistemi produttivi saranno promossi nel territorio attraverso video tutorial, azioni di formazione e tutoring per coinvolgere altre aziende nel processo e sensibilizzare i consumatori.
Il risultato atteso dal progetto Intesa sarà̀ la messa a punto di un protocollo di produzione sostenibile per le colture protette attraverso l’uso del sistema di coltivazione in idroponica a ciclo chiuso e senza uso di substrati.
Il progetto, della durata di 30 mesi, ha un costo complessivo di € 1.046.486,85, con un finanziamento pubblico al 90%, esso vede la partecipazione come partner di UTAP Unione Nazionale dell’Agricoltura e della Pesca in qualità di capofila, MONCADA OP, SO.SVI Società Sviluppo Ibleo,  Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell’economia agraria - Centro di ricerca Difesa e Certificazione - sede di Bagheria, ENIS Scuola Nazionale di Ingegneria di Sfax IIT, Istituto Internazionale di Tecnologia di Sfax, in qualità di partner. Associati al progetto anche i Comuni di Ispica e Scicli, l’URAP Unione Regionale dell’Agricoltura e della Pesca di Manouba, l’Ordine dei dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Ragusa e il CTAPT CentroTecnologico del Carciofo e della Patata di Manouba.