Aggregatore Risorse

Legumi: caratterizzare le risorse genetiche attraverso il progetto INCREASE

Kick off meeting virtuale di progetto il prossimo 4 giugno

Condividi

Anche il CREA fra i 28 partner, provenienti da 14 paesi diversi, che presenteranno il nuovo progetto di ricerca europeo INCREASE, Intelligent Collections of Food-Legume Genetic Resources for European Agrofood Systemsin, un incontro di lancio virtuale. Il progetto mira a creare strumenti e metodi di conservazione per favorire la biodiversità agricola in Europa, partendo dall'analisi dello stato delle risorse genetiche vegetali di quattro importanti legumi tradizionali europei (cece, fagiolo, lenticchia e lupino), nell'ottica di un'agricoltura più sostenibile e prodotti alimentari più sani.

Approcci all'avanguardia nella genetica e genomica delle piante, la fenotipizzazione, compresa quella molecolare (ad es. trascrittomica e metabolomica), l'Information Technology e l'intelligenza artificiale saranno combinati insieme per conservare le risorse genetiche delle colture europee e promuoverne l'uso e valorizzazione.

INCREASE si baserà su un approccio decentralizzato per la conservazione delle risorse genetiche, diventando di fatto un esperimento di Citizen Science: all'inizio del 2021, verranno distribuite più di 1.000 diverse varietà locali di fagiolo comune ai cittadini e agli agricoltori europei, che acquisendo conoscenze sulla biodiversità dei legumi, saranno coinvolti attivamente nelle attività di valutazione e conservazione e nella condivisione e nello scambio di sementi in un nuovo quadro giuridico tramite un'app mobile appositamente sviluppata per il progetto. 

Nell’ambito di INCREASE, il CREA Orticoltura e Florovivaismo di Pontecagnano (SA) si occuperà della fenotipizzazione in pieno campo di una “core collection” di genotipi di leguminose da granella per uso alimentare umano (fagiolo, cece, lenticchia e lupino) inoculate con specifici consorzi di rizobi, batteri azotofissatori, che vivono in simbiosi con le radici delle leguminose. In diverse sperimentazioni eseguite negli anni passati sia presso il CREA Orticoltura e Florovivaismo che presso altre istituzioni di ricerca, si è visto come sia possibile incrementare significativamente la produzione di granella dal 20 al 60%, selezionando ceppi di rizobio naturali più efficienti nell’azotofissazione, da utilizzare nella concia dei semi.

Il progetto, della durata quinquennale, riceverà un budget di 7 milioni di euro dal programma di ricerca e innovazione dell'Unione Europea Horizon 2020.

 

IN ALLEGATO IL COMUNICATO STAMPA DEL CONSORZIO DEL PROGETTO

Per informazioni contattare:  

stampa@crea.gov.it