Briciole di pane

Hero Schede tecniche

Schede tecniche

In questa sezione sono state raccolte varie SCHEDE TECNICHE, realizzate a cura dei ricercatori CREA, quale strumento di diffusione dei risultati scientifici e formazione con metodologie pratiche. Le schede rappresentano un utile, ma ovviamente non esaustivo, riferimento tecnico per ottenere  rapidamente informazioni su diversi temi di ricerca del CREA e per rendere accessibile al pubblico il suo patrimonio di know how.

Schede Tecniche Search

49 risultati
L'Agricoltura Conservativa

Anno di pubblicazione: 2013

Centri di ricerca: Ceralicoltura e Colture Industriali

L’Agricoltura Conservativa (AC) ha lo scopo di conservare, migliorare e rendere più efficiente l’uso delle risorse naturali attraverso una gestione integrata del suolo, dell’acqua e delle risorse biologiche congiuntamente ad input esterni. Essa contribuisce alla conservazione dell’ambiente e al miglioramento della produzione agricola. Michele Rinaldi - michele.rinaldi@crea.gov.it

Alimenti funzionali

Anno di pubblicazione: 2015

Centri di ricerca: Cerealicoltura e Colture Industriali

Grazie al piano strategico per l’innovazione e la ricerca nel settore agricolo alimentare e forestale (MiPAAF; 2015), presso il Laboratorio di Acireale sono stati ottenuti due alimenti funzionali entrambi a basso contenuto di sodio: il pane sapido e lo snack funzionale di grano duro, lupino e fibre di arancia. Alfio Spina alfio.spina@crea.gov.it

Micotossine nella granella di mais e di frumento

Anno di pubblicazione: 2010

Centri di ricerca: Cerealicolture e Colture Industriali

Finalità operative, punti critici ed interventi volti a ridurre la probabilità di incorrere in elevate contaminazioni da micotossine nella granella di mais e di frumento. Carlotta Balconi carlotta.balconi@crea.gov.it

Le varietà di frumento duro della Sicilia

Anno di pubblicazione: 2018

Centri di ricerca: Cerealicolture e Colture Industriali

Il gruppo di lavoro del Laboratorio Acireale (Catania) ha costituito tre varietà di frumento per gli areali mediterranei: Bronte, Sant’Agata e Ciclope. Massimo Palumbo, massimo.palumbo@crea.gov.it

Il Fascino delle Piante: le Colture Industriali

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Cerealicolture e Colture Industriali

La Patata, il Sorgo, il Fagiolo, la Canapa e le Brassiche tra le colture industriali presentate dalla Sede di Bologna durante la giornata mondiale “Fascination Plants Day 2019” tenutasi a Bologna presso le Officine San Lab grazie al patrocinio della Fondazione Marino Golinelli. Daniela Pacifico daniela.pacifico@crea.gov.it

Mais: come produrre trinciato di qualità

Anno di pubblicazione: 2019

Centri di ricerca: Cerealicolture e Colture Industriali

Dare valore al trinciato di mais vuol dire anche aumentarne ed esaltarne la qualità, intesa non solo come sanità, ricercata dal mercato. Significa inoltre assegnare il valore corretto a tale qualità ottenuta. L'argomento è molto vasto e la seguente trattazione, redatta in collaborazione con “Libera associazione agricoltori cremonesi” e “Confagricoltura Brescia”, si prefigge di fornire suggerimenti utili agli agricoltori. Rita Redaelli rita.redaelli@crea.gov.it

Le Salvie

Centri di ricerca: Orticoltura e Florovivaismo

Nell’ambito delle Lamiaceae il genere Salvia conta attualmente più di 900 specie (ciò ne fa il più numeroso nell’ambito della Lamiaceae), a cui si aggiungono decine di ibridi (di origine naturale o non) e centinaia di cultivars. Il genere Salvia è presente allo stato spontaneo in tutti i continenti eccetto l’Australia, con diffusione nelle regioni temperate e tropicali dei due emisferi ed escursione altitudinale dal livello del mare a oltre 3400 m. L’uso delle salvie ad uso medicinale e alimentare (tra cui la ben nota Salvia officinalis) è testimoniato da secoli presso molte civiltà e popoli dal Bacino Mediterraneo, alle Americhe, dal Sudafrica all’Asia. Recenti ricerche scientifiche hanno confermato le proprietà terapeutiche di numerose specie presenti nella tradizione etnobotanica e nuove specie indagate negli ultimi anni hanno evidenziato un potenziale impiego come fonte di antiparassitari e per uso cosmetico. Soprattutto nel campo ornamentale l’attività di introduzione di nuove specie in coltivazione è stata rilevante, portando anche alla selezione di varietà e ibridi dalla ricca e prolungata fioritura. Alla luce della crescente importanza di queste specie in vari settori e della necessità di una maggiore loro conoscenza anche da parte del grande pubblico, tra cui molti appassionati, è stato ritenuto importante far conoscere le principali caratteristiche morfologiche e biologiche di molte specie coltivate o coltivabili nei nostri ambienti. Schede su molte specie sono state preparate a tale scopo, riportandovi informazioni essenziali e materiale fotografico atto ad un loro facile riconoscimento.