Home - Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari

Menù di navigazione

Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari

Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari

Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari

Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari

Svolge attività nel campo dell’ingegneria dei biosistemi, dei processi agroindustriali e delle trasformazioni, soprattutto ortofrutticole, cerealicole e olivicole, per la gestione sostenibile degli agroecosistemi e delle filiere agricole, agroalimentari e agroindustriali.

Applicazioni nidificate

Titolo Notizie

Aggregatore Risorse

Webinar "La trasformazione digitale nelle produzioni agricole" su YouTube

Vi siete persi il webinar del 4 novembre 2021 su "La trasformazione digitale nelle produzioni agricole"? Ecco il link dove poterlo rivedere!

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

ZOOTECNIA 4.0: DALLA RICERCA CREA NUOVI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE AUTOMATIZZATI E SOSTENIBILI

Presentati i risultati intermedi del progetto Autofeed alla Fiera del bovino da latte di Cremona.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

Agricoltura digitale: SimAgri, il simulatore per macchine agricole, e gli hub dimostrativi

La ricerca del CREA per mettere in pratica uno dei punti cardini del Piano Strategico Nazionale del Mipaaf, che punta a diffondere le nuove tecnologie favorendo una maggiore integrazione tra consulenza, formazione, informazione e gruppi operativi per l'innovazione. Guarda anche il video https://youtu.be/cs3v_4hOEOE

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Titolo Eventi

Aggregatore Risorse

dal 10

feb 2022

ore 09:30

fino al 10 feb 2022

Webinar “APPROFONDIMENTI SULLA GESTIONE SOSTENIBILE DEL VERDE URBANO”

location_on Evento on line (piattaforma Teams)

Aggregatore Risorse

Direttore del Centro

Paolo Menesatti

Direttore

ORCID: 0000-0001-8225-1724
phone
0690675243

Aggregatore Risorse

Piano Triennale della Ricerca 2018-2020

bookmark

Piano Triennale della Ricerca 2018-2020

Il Piano triennale di attività del CREA contiene la visione strategica decennale e la pianificazione operativa sia dell’Ente in generale sia dei singoli Centri di Ricerca in particolare e viene aggiornato annualmente.

E’ elaborato dal Consiglio Scientifico, adottato dal Consiglio di Amministrazione ed approvato dal Ministro delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo.

Scopri il Piano Triennale del CREA

SCOPRI IL PIANO TRIENNALE PER QUESTO CENTRO  arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

La storia del centro definitivo

INGEGNERIA E TRASFORMAZIONI AGROALIMENTARI

La storia del centro

Il Centro di ricerca Ingegneria e Trasformazioni agroalimentari è stato istituito a Maggio 2017 nell'ambito della riorganizzazione del CREA, attraverso all'aggregazione di 6 strutture territoriali: Monterotondo (RM), Treviglio (BG), Roma (Inviolatella), Milano, Torino e Pescara.

Le sedi di Monterotondo e Treviglio, già Unità di ricerca per l'ingegneria agraria, ex Istituto Sperimentale per la Meccanizzazione Agricola dal 1967, si occupano principalmente di ingegneria agraria.
La sede di Roma-Inviolatella, con competenze sugli aspetti agronomici, fitopatologici, qualitativi, igienico-sanitari e, in particolare, sulle trasformazioni dei cereali, deriva dall'Istituto Sperimentale per la Cerealicoltura (ISC – 1967), prima ancora Istituto Nazionale di Genetica per la Cerealicoltura fondato nel 1919 da Nazareno Strampelli.
La struttura di Milano, con principali competenze nella trasformazione e conservazione dei prodotti ortofrutticoli, origina dall'unità di ricerca per i processi dell'industria agroalimentare derivante dall'Istituto Sperimentale per la Valorizzazione Tecnologica dei Prodotti Agricoli originato nel 1967, ex Stazione Sperimentale del Freddo fondata nel 1919.

Dal Centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industria olearia, già Istituto Sperimentale per la Elaiotecnica dal 1968 e Regia Stazione Sperimentale di Olivicoltura e di Oleificio dal 1931, ha origine la sede di Pescara che si occupa di valutazione dell’olio e delle olive da mensa. La sede di Torino nasce come gruppo periferico di ricerca nel 2004 del Centro di Ricerca per lo Studio delle Relazioni tra Pianta e Suolo dalla precedente organizzazione.