Home - Foreste e Legno

Menù di navigazione

Foreste e Legno

Foreste e Legno

Il Centro svolge studi e ricerche per la gestione sostenibile delle foreste e dell’arboricoltura da legno, per il miglioramento genetico degli alberi forestali e la conservazione e la gestione della biodiversità, per la valorizzazione delle produzioni legnose e non legnose dei boschi e delle piantagioni forestali. 

Applicazioni nidificate

Titolo Notizie

Aggregatore Risorse

Giuseppe Nervo, nuovo Direttore del centro di ricerca CREA Foreste e Legno

Con decreto commissariale n. 139 del 6/10/2020 è stato conferito al dr. Giuseppe Nervo l’incarico temporaneo di Direttore del Centro di ricerca Foreste e Legno.

L’incarico cesserà all’atto della nomina del nuovo Direttore del Centro all’esito della relativa procedura selettiva comparativa.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

CREA per l’innovazione 2020, Foreste e Legno: tutte le novità

Da Air tree il software per migliorare l’aria attraverso il verde urbano, alle nuove tecnologie per la gestione sostenibile dei boschi fino al pioppo di ultima generazione. 

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

Il CREA su Radio24 presenta AIR TREE, il software antinquinamento applicato all'arboricoltura urbana

Durante il programma radiofonico "Si può fare", condotto da Laura Bettini il 7/11/2020, Alessandro Alivernini, ricercatore del CREA Centro Foreste e Legno, ha illustrato il funzionamento del software AIRTREE sviluppato dal CREA nell'ambito di vari progetti, tra cui AGRIDIGIT, finanziato dal MIPAAF.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Titolo Eventi

Aggregatore Risorse

03

lug 2020

ore 12:00

Presentazione del volume I CENTRI DI RICERCA DEL CREA

location_on Roma, Via Po, 14

Aggregatore Risorse

Direttore del Centro

Giuseppe Nervo

Giuseppe Nervo

Direttore

phone
0142 330900

Aggregatore Risorse

Piano triennale della ricerca 2018-2020

bookmark

Piano triennale della ricerca 2018-2020

Il Piano triennale di attività del CREA contiene la visione strategica decennale e la pianificazione operativa sia dell’Ente in generale sia dei singoli Centri di Ricerca in particolare e viene aggiornato annualmente.

E’ elaborato dal Consiglio Scientifico, adottato dal Consiglio di Amministrazione ed approvato dal Ministro delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo.

Scopri il Piano Triennale del CREA

SCOPRI IL PIANO TRIENNALE PER QUESTO CENTRO  arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

La storia del centro definitivo FL

FORESTE E LEGNO

La storia del centro

Il Centro riunisce le attività di ricerca svolte nelle sedi di Arezzo, Casale Monferrato e Trento. Le attività iniziano con la Regia Stazione Sperimentale di Selvicoltura fondata da Aldo Pavari a Firenze nel 1922 e primo centro di ricerca applicata sulle foreste in Italia.

Nel 1967, la Stazione Sperimentale diventa Istituto Sperimentale per la Selvicoltura con sede centrale ad Arezzo e sedi operative periferiche di Firenze, San Pietro Avellana (Isernia) e Cosenza. Con la creazione del Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (CRA) nel 2007 viene istituito il Centro di Ricerca per la Selvicoltura con sede unica Arezzo.

La sede storica di Firenze viene chiusa e le sedi di Isernia e Cosenza diventano unità autonome (rispettivamente, Unità di ricerca per la gestione dei sistemi forestali dell'Appennino e Unità di ricerca per la selvicoltura in ambiente mediterraneo). Con la riorganizzazione del 2017, queste ultime restano attive solo come azienda sperimentale (Isernia) e gruppo di ricerca (a Rende, presso Cosenza).

La sede di Casale Monferrato deriva dall’Unità di ricerca per le Produzioni Legnose fuori Foresta, già Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura (ISP), edificato su terreni della Società Cartiere Burgo e inaugurato il 1° ottobre 1939. Ceduto nel 1952 all'Ente Nazionale per la Cellulosa e per la Carta (ENCC) e gestito dal 1999 dalla Società Agricola e Forestale per le Piante da Cellulosa e da Carta (SAF), nel 2001 fu devoluto al Ministero per le Politiche Agricole e Forestali e dal 1° ottobre 2004 ha fatto parte del CRA assieme alla sede distaccata di Roma, oggi azienda sperimentale (Azienda Ovile).

La sede di Trento eredita il patrimonio e la tradizione scientifica dell’Unità di Ricerca per il Monitoraggio e la Pianificazione Forestale (CRA-MPF), già Istituto Sperimentale per l'Assestamento Forestale e per l'Alpicoltura (ISAFA) formalmente istituito nel 1967 ed inaugurato nel 1969.