Home - Alimenti e Nutrizione

Menù di navigazione

Alimenti e Nutrizione

Centro di ricerca alimenti e nutrizione

Alimenti e Nutrizione

Il Centro di ricerca CREA-Alimenti e Nutrizione svolge, con approccio multidisciplinare, attività di ricerca, formazione e divulgazione sugli alimenti, sulla loro qualità e sul loro ruolo nel mantenimento della salute e nella prevenzione del rischio di malattie correlate all'alimentazione.

Le attività di ricerca sugli alimenti sono volte allo studio degli aspetti compositivi, nutrizionali e sensoriali, anche in funzione delle tecnologie di produzione e trasformazione adottate. Le interazioni tra dieta e stato di nutrizione sono finalizzate alla identificazione delle componenti degli alimenti e dei meccanismi fisiologici dell’organismo che contribuiscono al mantenimento di un buono stato di salute e alla prevenzione del rischio di patologie correlate all'alimentazione, sia a livello individuale che di popolazione, anche in funzione delle scelte del consumatore e dei livelli di consumo.

Le attività di ricerca si completano nel trasferimento della informazione attraverso la creazione di documenti di consenso sulla nutrizione e la salute pubblica, nei programmi di educazione alimentare, nella comunicazione al consumatore e nel dialogo con attori e decisori della politica alimentare. Le attività del CREA Alimenti e Nutrizione chiudono il cerchio delle attività di ricerca del CREA finalizzate al miglioramento globale del sistema agroalimentare italiano e alla promozione delle sue eccellenze.

Applicazioni nidificate

Titolo notizie

Aggregatore Risorse

Il CREA al II meeting del progetto EXCornsEED

Dal 19 al 21 novembre  si terrà a Bucarest il 2° meeting the Progetto Horizon 2020EXCornsEED, di cui il CREA è partner.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

SPRECO ALIMENTARE: DAL CREA TUTTI I NUMERI E L’IDENTIKIT DEGLI “SPRECONI” II edizione della giornata della Nutrizione

Cosa e quanto sprechiamo a tavola? E’ possibile fare un identikit degli “spreconi”? E come agire per prevenire efficacemente lo spreco? Di questo si è discusso oggi in occasione della II edizione della giornata della nutrizione, Nutrinformarsi: lo spreco nel piatto, organizzata dal CREA Alimenti e Nutrizione. 

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

Il CREA su Rai Tre: rischi e benefici del caffè

Laura Rossi, ricercatrice del CREA Alimenti e Nutrizione, ospite del programma "Tutta Salute", in onda su Rai Tre, spiega rischi e benefici del caffè, consigliando di consumarlo preferibilmente la mattina, in quanto, essendo un alimento nervino, aumenta la concentrazione, e di non abusarne durante la gravidanza.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Titolo Eventi

Aggregatore Risorse

15

nov 2019

ore 10:00

La Liguria e la Dieta Mediterranea patrimonio dell’umanità

location_on Forte di Santa Tecla - Sanremo

15

nov 2019

ore 09:30

Nutrinformarsi: lo spreco nel piatto

location_on CREA, Centro di Alimenti e Nutrizione, via Ardeatina 546

Aggregatore Risorse

Aggregatore Risorse

Piano triennale della ricerca 2018-2020

bookmark

Piano triennale della ricerca 2018-2020

Il Piano triennale di attività del CREA contiene la visione strategica decennale e la pianificazione operativa sia dell’Ente in generale sia dei singoli Centri di Ricerca in particolare e viene aggiornato annualmente.

E’ elaborato dal Consiglio Scientifico, adottato dal Consiglio di Amministrazione ed approvato dal Ministro delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo.

Scopri il Piano Triennale del CREA

SCOPRI IL PIANO TRIENNALE PER QUESTO CENTRO  arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

La storia del centro def.

ALIMENTI E NUTRIZIONE

La storia del centro

Il CREA - Alimenti e Nutrizione raccoglie le competenze, le attività di ricerca, formazione e divulgazione e parte del personale dello storico Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN), denominato ancor prima Istituto Nazionale di Biologia e poi Istituto Nazionale della Nutrizione (INN).

L’Istituto è stato fondato nel 1936 dal noto studioso Sabato Visco, come Istituto Nazionale di Biologia, nel quadro degli istituti scientifici del Consiglio Nazionale delle Ricerche. L’intento era quello di favorire le conoscenze nello specifico ambito della biologia che si andava allora delineando nel panorama scientifico internazionale. La scienza dell’alimentazione veniva studiata in quanto interrelazione fra agricoltura – fonte di risorse alimentari – ed il benessere e la salute della popolazione attraverso la nutrizione.

Nel 1958 l’Istituto è divenuto Ente di diritto pubblico sotto la vigilanza del Ministero dell’Agricoltura e Foreste e ha cambiato la sua denominazione in Istituto Nazionale della Nutrizione (INN). Dallo stesso anno l’Istituto compila e aggiorna le “Tabelle di composizione degli Alimenti”. Nel 1975 l’Istituto è stato classificato analogamente al CNR, ENEA, INFN fra gli enti scientifici nazionali di ricerca e sperimentazione.

Negli anni Ottanta si sono moltiplicate le campagne informative pianificate e condotte dall'Istituto per diffondere i principi della Dieta Mediterranea, adattandoli alla vita moderna. Questo massiccio sforzo educativo è culminato nel 1986 nell'incarico di elaborare e diffondere per l’Italia le “Linee Guida per una sana alimentazione italiana” che rappresentano le indicazioni istituzionali per un’alimentazione equilibrata nel rispetto dei principi della Dieta Mediterranea e della nostra tradizione, adattandole alle esigenze della vita moderna.
Nel 1999, infine, l’INN si è trasformato in INRAN, Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione, in cui, alla tradizionale vocazione di ricerca e studio per sostenere il nostro sistema agroalimentare, si è affiancato il compito istituzionale di tutelare, informare ed educare il consumatore. Nel 2010, all’INRAN sono stati accorpati l’Ente Nazionale delle Sementi Elette (ENSE) e l’Istituto Nazionale Conserve Alimentari (INCA).

Nel 2013, con decreto Interministeriale, il personale INRAN (comprensivo del personale ex- ENSE ed ex-INCA) è stato trasferito al CRA (Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura) ed ha continuato a svolgere le proprie attività e funzioni come Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (CRA-NUT). Il 25 giugno 2015 è nato il CREA (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria) come risultato dell’accorpamento di CRA e INEA. Il Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione, che raccoglie a tutt'oggi le competenze, le attività di ricerca e tutto il personale dell’ex-INRAN, è diventato CREA - Alimenti e Nutrizione.