Home - Agricoltura e Ambiente

Menù di navigazione

Agricoltura e Ambiente

Agricoltura e Ambiente

Agricoltura e Ambiente

Il Centro svolge studi e ricerche per la caratterizzazione, gestione sostenibile e modellazione spazio-temporale degli ecosistemi agrari e forestali attraverso un approccio inter e multidisciplinare.

Applicazioni nidificate

Titolo notizie

Aggregatore Risorse

Ricerca applicata per migliorare la qualità del pomodoro da industria: al via il secondo anno di sperimentazione

Con l’allestimento dell’ultimo dei tre campi sperimentali iniziano ufficialmente le prove relative alla seconda annualità 2020 del progetto “TECNICHE AGRONOMICHE INNOVATIVE PER ELEVARE IL CONTENUTO DI SOSTANZA SECCA ED IL GRADO BRIX NEL POMODORO DA INDUSTRIA”, realizzato con la responsabilità scientifica del CREA Orticoltura e Florovivaismo di Pontecagnano, la collaborazione del CREA Agricoltura e Ambiente di Bari,  il coordinamento  di Italia Ortofrutta - Unione Nazionale ed il co-finanziamento di 11 OP del comparto associate all’Unione (APOPA, AOA, APOC SALERNO, TERRA ORTI, ASSODAUNIA, OP MEDITERRANEO, ORTOFRUTTA SOL SUD, ASPORT, OP FERRARA, AS.I.P.O, APO GARGANO).

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

Giornata Mondiale della Biodiversità: l’impegno del CREA

Un patrimonio di risorse unico per agricoltura ed ambiente, custodito e valorizzato dalla ricerca.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

Il CREA protagonista della ricerca applicata per migliorare la qualità del pomodoro da industria: al via il secondo anno di sperimentazione

Al via il secondo anno di sperimentazione del Progetto biennale “Tecniche agronomiche innovative per elevare il contenuto di sostanza secca ed il grado brix nel pomodoro da industria” che vede impegnati ben 11 OP e il CREA, con il centro Orticoltura e Florovivaismo di Pontecagnano, che ha la responsabilità scientifica del Progetto e il centro Agricoltura e Ambiente, che ha collaborato attivamente allo sviluppo delle attività.

LEGGI DI PIU' arrow_right_alt

Titolo Eventi

Aggregatore Risorse

13

feb 2020

ore 10:00

Workshop CREA al BIOFACH 2020

location_on Norimberga (Germania)

11

feb 2020

ore 16:00

Agricoltura conservativa applicata ai sistemi colturali erbacei

location_on IPSIA Gallilei di Gravina in Puglia, Via Luigi Einaudi P.I.p.

Aggregatore Risorse

Direttore del Centro

Marcello Donatelli

Direttore

ORCID: 0000-0002-7420-5530
https://www.researchgate.net/profile/Marcello_Donatelli

Aggregatore Risorse

Piano Triennale della Ricerca 2018-2020

bookmark

Piano Triennale della Ricerca 2018-2020

Il Piano triennale di attività del CREA contiene la visione strategica decennale e la pianificazione operativa sia dell’Ente in generale sia dei singoli Centri di Ricerca in particolare e viene aggiornato annualmente.

E’ elaborato dal Consiglio Scientifico, adottato dal Consiglio di Amministrazione ed approvato dal Ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo.

Scopri il Piano Triennale del CREA

SCOPRI IL PIANO TRIENNALE PER QUESTO CENTRO  arrow_right_alt

Aggregatore Risorse

Stiamo lavorando con

La storia del centro definitivo AA

AGRICOLTURA E AMBIENTE

La storia del centro

Il Centro di Ricerca Agricoltura e Ambiente nasce formalmente nel giugno 2017, a seguito della riorganizzazione del CREA (già C.R.A), dall'accorpamento dei Centri e Unità di ricerca CREA di Roma, Bari, Firenze e Bologna di seguito specificati.

La sede amministrativa del CREA-AA è a Roma, in via della Navicella, già sede del Centro di ricerca per lo studio delle relazioni tra pianta e suolo (CREA-RPS) e dell’Unità di ricerca per la climatologia e la meteorologia applicate all'agricoltura (CREA-CMA), trasferita dalla sua sede storica di via del Caravita; l’accorpamento ha coinvolto anche il personale di ricerca proveniente dall'ex INEA che opera su tematiche analoghe e coerenti con la mission del Centro.

Per quanto riguarda la sede di Firenze, il Centro di ricerca per l’agrobiologia e la pedologia (CREA-ABP) è stato trasferito dalla sede di Piazza Massimo D’Azeglio alla sede di Cascine del Riccio, integrandosi amministrativamente con il nucleo di zoologia agraria e forestale che afferisce al Centro di Ricerca di Difesa e Certificazione, pur mantenendo l’afferenza scientifica al CREA-AA.

Al medesimo Centro di Ricerca afferiscono l’Unità di ricerca di apicoltura e bachicoltura (CREA-API) e il personale che nel Centro di ricerca per le colture industriali (CREA-CIN) di Bologna si occupa di modellistica.

Il CREA-AA ha anche inglobato l’Unità di ricerca per i sistemi colturali degli ambienti caldo umidi (CREA-SCA), con sede a Bari.

 

 

Fonte: Fondo fotografico della Biblioteca Storica Nazionale dell’Agricoltura Mipaaf (album 85 stampa 51)