Briciole di pane

Aggregatore Risorse

Stati generali della ricerca forestale nazionale al Centro di Ricerca Foreste e Legno di Arezzo con John Parrotta, Presidente della IUFRO

Presenti al CREA Centro di Ricerca Foreste e Legno di Arezzo i principali attori della ricerca forestale italiana per innovazione e ricerca

Condividi

Dalle prospettive della ricerca e innovazione tecnologica in campo selvicolturale alle sfide legate alla mitigazione e adattamento al cambiamento climatico fino allo stato di salute dei sistemi forestali. Di questo e molto altro ancora si è discusso oggi al workshop FOREST RESEARCH INNOVATION POTENTIAL IN NATIONAL AND INTERNATIONAL SCENARIOS”, organizzato presso il Centro di Ricerca Foreste e Legno di Arezzo, nell’ambito delle attività della Rete Rurale Nazionale del MIPAAF e in collaborazione con l’Accademia Italiana di Scienze Forestali e la Società Italiana di Selvicoltura ed Ecologia Forestale.

L’incontro ha visto la presenza, oltre di numerosi rappresentanti degli enti di ricerca, università forestali, professionisti, imprenditori forestali e della Direzione Generale Foreste del MIPAAF, di John Parrotta, presidente della IUFRO (International Union of Forest Research Organization), che raccoglie oltre 15000 scienziati di 700 organizzazioni distribuiti in oltre 110 Paesi. L'obiettivo della giornata è stato di condividere con la IUFRO le importanti iniziative di innovazione e trasferimento tecnologico nel settore forestale in risposta alle attuali sfide del cambiamento globale, a supporto delle imprese e dei portatori di interesse

Sono state presentate, quindi, 12 relazioni, che hanno illustrato: prospettive della ricerca e innovazione in campo selvicolturale e nella gestione delle risorse genetiche; sfide e opportunità di mitigazione e adattamento al cambiamento globale; prospettive nello studio della salute dei sistemi forestali; economia e innovazione tecnologica nelle operazioni forestali; ruolo delle foreste urbane e periurbane; innovazione in pioppicoltura; ed infine nuove tecnologie di monitoraggio della risorsa forestale.

Il wrap up finale, momento di sintesi dei principali temi trattati, è stato scandito da parole quale rafforzamento delle prospettive globali, auspicata interdisciplinarietà e corretta comunicazione al grande pubblico ed efficace trasferimento dei risultati della ricerca. L’Italia rappresenta un importante e ambizioso laboratorio di ricerca e innovazione nel settore forestale in ambito mediterraneo, europeo e globale.

Nella foto in anteprima: da sinistra Professor Piermaria Corona direttore del Centro di Ricerca Foreste e Legno; dott.ssa Elena Paoletti (CNR/IPSP, Firenze), insignita del prestigioso premio IUFRO Scientific Achievement Award 2019; John Parrotta, presidente IUFRO; professor Giuseppe Scarascia Mugnozza, direttore DIBAF dell’Università degli Studi della Tuscia; Professor Marco Marchetti attuale rappresentante italiano IUFRO; Dott. Fulvio Ducci primo ricercatore presso il Centro di Ricerca Foreste e Legno, coordinatore IUFRO per la task Force ‘Strengthening mediterranean nursery systems for forest reproductive material procurement to adapt to the effects of climate change’

 

John Parrotta, presidente IUFRO, firma lo storico libro degli ospiti in visita al Centro di ricerca Foreste e Legno

 

un momento del workshop

  

Per informazioni contattare:  

fl@crea.gov.it