Briciole di pane

Aggregatore Risorse

L’importanza incommensurabile della biodiversità in una mostra fotografica, con il coordinamento scientifico del CREA

L’8 agosto al Giardino Alpino di Campo Imperatore per un duplice appuntamento: l’inaugurazione della mostra «Laudato sìi, per non restare indifferenti: riflessioni in alta quota», e la visita guidata, a cura di Francesca Marinangeli del CREA-Centro di ricerca Politiche e bioeconomia. Un itinerario fotografico che si snoda tra paesaggi di rara bellezza e immagini provocatorie su ambienti degradati, proponendo a giovani e adulti tematiche scientifico-divulgative, delineate ed accompagnate in un percorso di riflessione. L’iniziativa si colloca nell’ambito del progetto Borghi per il respiro, promosso dall’Associazione Nazionale Borghi del Respiro con il coordinamento scientifico del CREA-Politiche e Bioeconomia.

Condividi
L’importanza incommensurabile della biodiversità in una mostra fotografica, con il coordinamento scientifico del CREA

Nella Laudato si’, numerosi sono i riferimenti alla ricerca in agricoltura e alle relative attività di comunicazione scientifica. Si auspica un approccio di ecologia integrale per combattere la povertà, per restituire la dignità agli esclusi e, nello stesso tempo, per prendersi cura della natura (n. 139 p. 132). Tale approccio richiede apertura verso categorie che trascendono il linguaggio delle scienze esatte o della biologia e che ci collegano con l’essenza dell’umano (n. 11 pag. 34). L’ecologia richiede anche di prestare più attenzione alle culture e identità locali nel momento in cui si analizzano questioni legate all’ambiente, facendo dialogare il linguaggio tecnico-scientifico con il linguaggio popolare. E la cultura non solo intesa come monumenti del passato, ma specialmente nel suo senso vivo, dinamico e partecipativo, che non si può escludere nel momento in cui si ripensa la relazione dell’essere umano con l’ambiente (n. 143 pag. 136).

In quest’ottica, la cornice di Campo Imperatore -la prateria d’alta quota più estesa d’Europa- è ideale per proporre al grande pubblico una riflessione condivisa sui temi più attuali: biodiversità, rifiuti e siti inquinati, casa comune, sfruttamento delle risorse naturali, sorella acqua, ambiente di vita, perdite e sprechi alimentari, corresponsabilità, rispetto del creato, nuova ecologia. Il giardino alpino, collocato oltre i 2100 metri di altitudine, è particolarmente importante per il monitoraggio dei cambiamenti climatici e degli adattamenti delle specie vegetali al clima alpino, e vede installata e funzionante anche una storica postazione di monitoraggio dei pollini aerodispersi, uno degli aspetti più valorizzati dal Progetto Borghi per il respiro.

L’evento è aperto al pubblico, con ingresso gratuito su prenotazione dall’8 al 22 agosto, festivi compresi, dalle 10.30 alle 14.30.

Guarda il video

"Laudato sìi": la mostra fotografica de I borghi del respiro in arrivo dall'8 al 22 agosto - YouTube

Per informazioni contattare:  

francesca.marinangeli@crea.gov.it