Aggregatore Risorse

Il CREA su "Italia Oggi": il genome editing mantiene la varietà di frutti e vitigni senza modificarne i pregi

Il direttore del CREA Viticoltura ed Enologia, Riccardo Velasco, intervistato dal quotidiano "Italia Oggi" mentre sono in via di approvazione in Parlamento i decreti sulle New Breeding Techniques (Nbt), spiega che il genome editing non ha nulla a che vedere con gli OGM poiché interviene sullo stesso DNA delle piante da frutto e vite, migliorando e valorizzando le specie autoctone a tutela della biodiversità. 

Condividi
Il CREA su

LEGGI L'ARTICOLO IN ALLEGATO 

Per informazioni contattare:  

stampa@crea.gov.it