Asset Publisher

CREA: INSEDIATO OGGI STEFANO VACCARI, NUOVO DIRETTORE GENERALE

Si insedia oggi al CREA, il più importante Ente italiano di ricerca dedicato all’agroalimentare, il nuovo direttore generale, Stefano Vaccari.

Condividi

Si insedia oggi al CREA, il più importante Ente italiano di ricerca dedicato all’agroalimentare, il nuovo direttore generale, Stefano Vaccari.

In carica dal 1° novembre 2020, è stato nominato a seguito di una pubblica selezione.

Stefano Vaccari, economista e giurista, oltre che enotecnico e perito agrario, ha ricoperto a lungo incarichi di vertice nell’Amministrazione agricola italiana. E’ stato Capo Dipartimento e Direttore generale presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Con l’operatività del Direttore generale, continua la fase di rilancio dell’Ente.

Il CREA augura buon lavoro al neo Direttore Vaccari e ringrazia per il lavoro svolto Antonio Di Monte, che ha guidato l’Amministrazione del CREA negli ultimi mesi.

 

Breve nota biografica

Stefano Vaccari è dal 1 novembre 2020 Direttore generale del CREA, Consiglio per la ricerca e l'economia in agricoltura, il principale Ente italiano di ricerca sull'agroalimentare.

Perito agrario ed enotecnico,  si laurea prima in Economia e Commercio e poi in Giurisprudenza. È revisore ufficiale dei conti.

La sua carriera è iniziata nel 1985 in un Istituto di Ricerca e Sperimentazione del Ministero dell'Agricoltura Italiano (IVTPA di Milano), come perito agrario.

 Ha svolto incarichi di Direttore Generale e di Capo Dipartimento al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali. E’ stato Commissario straordinario dell’Ente Nazionale Risi e componente effettivo del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, massimo Organo tecnico consultivo dello Stato. Vice Capo dell’Ufficio legislativo del MIPAAF, ha inoltre ricoperto molteplici incarichi di natura tecnica, economica e giuridica.

E’ autore di numerose pubblicazioni e libri in materia di agricoltura e spesa pubblica; è stato docente in diverse Università e ha all’attivo collaborazioni scientifiche con numerose Istituzioni di ricerca.

Per informazioni contattare:  

stampa@crea.gov.it