Asset Publisher

Il CREA diventa membro di Agrinatura

Da oggi il CREA entra a fare parte di Agrinatura, l’associazione europea delle università e degli enti di ricerca che operano per la cooperazione in agricoltura.

Condividi

Da oggi il CREA entra a fare parte di Agrinatura, l’associazione europea delle università e degli enti di ricerca che operano per la cooperazione in agricoltura, supportando lo sviluppo sostenibile in agricoltura, attraverso programmi comuni di ricerca, istruzione e formazione e progetti che contribuiscono al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo del Millennio e alla nuova agenda degli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Vi aderiscono una trentina di organismi, fra cui INRA, CURAD, Humboldt University, Università di Reading, WUR. Per l’Italia erano già soci di Agrinatura l’Università di Catania e AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo).

Con la sua adesione, ufficializzata durante l’assemblea generale di Agrinatura, svoltasi oggi a Gembloux (Belgio) presso Agro-Bio-Tech (facoltà di Agraria dell’Università di Namur), il CREA potrà partecipare a importanti progetti di cooperazione internazionale, con l’obiettivo di trasferire le proprie competenze e innovazioni verso i paesi in via di sviluppo, per rendere le loro agricolture più efficienti e sostenibili.

A rappresentare il CREA era presente Guido Bonati, del Centro Politiche e Bioeconomia.

Per informazioni contattare:  

stampa@crea.gov.it