Asset Publisher

AGRIDIGIT

Share

Scientific director: Marcello Donatelli
Typology: National
Status: In progress
Duration: 2018-2021
Funding bodies: Mipaaft

The AgriDigit project provides for coordination and six sub-projects involving several Operating Units, with a very different scientific characterisation:

AGROFILIERE, the sub-project “Agro-Food Chain”, is aimed at:

  • advanced systems for agronomic and agri-environmental management and for the evaluation of the vegetative and phytosanitary state, ripeness and quality of the products in the field,
  • systems and applications for smart farming, monitoring and control of agricultural activities,
  • mechatronic systems and applications and digital interface on tractors and self-propelled and for robotics in the field,
  • systems and applications on operating machines for the main cultivation operations,
  • advanced digital and mechatronic applications for quality horticultural and horticultural supply chains, for the cereal chain and other grain crops,
  • Sensors and digital data networking for quality in food processing processes,
  • applications for product quality control in precision logistics

AGROMODELLI, the “Agro-Models” sub-project, includes infrastructural activities and applications both in real time and for scenario analysis, based on biophysical forecasting models. The information produced provides support for management decisions regarding irrigation, fertilisation, soil operations, pathogens and pest control, grassland cut, product quality. These services will be made accessible as they are through tablets and smartphones implementation, but also as data and information that can be used in different applications.

SELVICOLTURA, the sub-project “Forestry”, targets the development and testing of innovative methods and technologies for the enhancement of the national forest heritage and the development of its production chains:

  • innovative tools for inventorying and managing wood resources
  • ICT systems to support the collection of woody biomass from forest and woody plantations, based on standardised decision support systems (DSS),
  • technological systems for the logistics of operations in forestry and wood plantations,
  • electroniccomputer based technologies (RFiD sensors) to ensure high-quality and traceability of woody products

DIGITAL TECHNOLOGIES IN THE COVEN AND BUFALINE MILK WIRE, is aimed at optimizing the efficiency of the livestock farms involved in the supply chain of cattle and buffalo milk production. The main objective is the development of an integrated business management system, implementing the approach and related techniques of precision livestock farming.

VITICOLTURA, the sub-project “Viticulture”, involves the detection through satellite images and acquisitions from ultralight (airborne), the use of hyperspectral sensors capable of acquiring profiles of specific absorption due to chemical bonds in solids, liquids and gases. The water status of the vineyard and soil and the vigour of the plots, linked to their nutritional status, will also be monitored. The spectral imprint of some ampelopathies (diseases, bacteria and viruses, including those transmitted by vector insects) will be studied to act early and in a circumscribed manner on the first outbreaks. In order to guarantee the varietal origin and its traceability right from the vineyard, the spectral varietal signatures will be studied in order to arrive at a rapid varietal identification.

The sub-project AGRIINFO aims to report in cartography, on a geo-referenced basis and available from the relevant institutes, all relevant phenomena in agriculture. These will include surveys carried out using different tools for type, use and evaluation criteria subsequently homogenised to facilitate the extension to all sensors and all research projects that can be activated. The aim is to create one of the first HUBs of the scientific survey in Italy to make available, at all levels of research, the first national BigData in Agriculture.

The project

Objectives

The project develops a system of knowledge on a sample scale at company level, identifying the most advanced areas of Precision Agriculture, modeling, sensors and information technology, on which to graft prototypes able to achieve, during the three years of activity, at least one of the following objectives:

  • Increase profitability via either or both the reduction of production costs or/and the increase of quality;
  • Increase environmental sustainability via the reduction of chemical inputs, detected water or soil consumption, observed harmful emissions;
  • Increase of the awareness and interest of the consumer by way of access to information about the origin of products, their production and transformation, nutritional content and qualitative parameters.

Methodologies

The above objectives are achieved through an integrated approach to the application of precision digital technologies (electronics, mechatronics, information technology, telecommunications), in a highly interconnected conceptual, logical and operational framework of global innovation in the sector.

Project funding bodies

Sequenziamento del genoma del frumento duro: pubblicato articolo su TheScienceBreaker

L'articolo ripercorre l'evoluzione dal farro selvatico fino al moderno frumento duro, attraverso l'analisi del sequenziamento del genoma, recentemente effettuata da un team internazionale di scienziati e pubblicata su Nature Genetics

Share

L'articolo ripercorre l'evoluzione dal farro selvatico fino al moderno frumento duro, attraverso l'analisi del sequenziamento del genoma, recentemente effettuata da un team internazionale di scienziati e pubblicata su Nature Genetics. L'evoluzione del grano è stata un processo guidato dall'uomo, che ha selezionato le piante domestiche molto più produttive e performanti rispetto alle piante selvatiche, fino agli allevatori che rilasciano moderne varietà coltivate di grano duro.

Il grano duro moderno è stato studiato a livello della sequenza del DNA e confrontato con il genoma del suo antenato del farro selvatico, di fondamentale importanza perché alcune caratteristiche genetiche, perse durante il processo di allevamento, possono essere salvate per migliorare le varietà moderne.

Consulta l'articolo al seguente link

More info:  

stampa@crea.gov.it 

Il CREA incontra una delegazione polacca nell'ambito della attività della Rete Rurale

Si è svolto il 21 ottobre 2019 a Roma, presso la sede del CREA, Centro Politiche e Bioeconomia, un incontro con una delegazione di 30 persone del Voivodato della Piccola Polonia, rappresentanti di vari ambiti coinvolti nello sviluppo delle aree rurali in Polonia. 

Share

Si è svolto il 21 ottobre 2019 a Roma, presso la sede del CREA, Centro Politiche e Bioeconomia, un incontro con una delegazione di 30 persone del Voivodato della Piccola Polonia, rappresentanti di vari ambiti coinvolti nello sviluppo delle aree rurali in Polonia. L’incontro, organizzato dalla Rete Rurale Nazionale, si è focalizzato sul supporto allo sviluppo delle aziende agricole locali e la loro partecipazione ai sistemi di qualità alimentare, sull’organizzazione delle catene di approvvigionamento alimentare e in particolare sulle filiere corte, attraverso la presentazione di buone prassi in Italia.

More info:  

pb@crea.gov.it 

locandina 21.10.2019.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Micaela Conterio, 10/21/19 3:28 PM
Preview
1 of 2

PROCEDURA SELETTIVA, PER SOLI TITOLI, PER L’ATTRIBUZIONE DI COMPLESSIVI N. 76 POSTI AI SENSI DELL’ART. 54 DEL CCNL 21.02.2002 – I BIENNIO ECONOMICO – COMPARTO RICERCA – PROGRESSIONI DI LIVELLO NEI PROFILI PER IL PERSONALE DAL IV ALL’VIII LIVELLO

Publish Date:  
18 October 2019

PROCEDURA SELETTIVA, PER SOLI TITOLI, PER L’ATTRIBUZIONE DI COMPLESSIVI N. 76 POSTI AI SENSI DELL’ART. 54 DEL CCNL 21.02.2002 – I BIENNIO ECONOMICO – COMPARTO RICERCA – PROGRESSIONI DI LIVELLO NEI PROFILI PER IL PERSONALE DAL IV ALL’VIII LIVELLO

Data pubb. 2/10/2019

Data scadenza invio domande 22 ottobre 2019

Documenti pubblicati:
Bando [Data pubb. 02/10/2019]
FAQ [Data pubb. 15/10/2019]
FAQ [Data pubb. 17/10/2019]
FAQ [Data pubb. 18/10/2019]
 

arrow_back Back

faq_18_10_2019.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Montesi, 10/18/19 4:38 PM
Preview
1 of 1

Ultimo aggiornamento: 18 Oct 2019

Per informazioni contattare: responsabile.trasparenza@crea.gov.it

RELAZ_CDR_all_verbale n 9 _2019.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Montesi, 10/18/19 4:14 PM
Preview
1 of 5

Tabella di composizione dei frumenti

A cura del Centro di ricerca
Alimenti e Nutrizione

Description

Cos'è

Il Centro di Ricerca CREA Alimenti e Nutrizione (ex Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione - INRAN) cura, dal 1963, il monitoraggio del valore tecnologico-qualitativo delle varietà di frumento coltivate in Italia. 
Tale lavoro, promosso dal Ministero per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, ha lo scopo di fornire elementi di conoscenza scientifica agli addetti alla filiera in merito alle caratteristiche qualitativo-tecnologiche delle varietà di frumento, sia tenero che duro, coltivate su tutto il territorio nazionale.

Marina Carcea

IL CREA AL MAKER FAIRE: TUTTI GLI APPUNTAMENTI

Il CREA, con i suoi centri di Alimenti e Nutrizione - Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari - Orticoltura e Florovivaismo - Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura - Politiche e Bioeconomia, partecipa al Maker Faire, il più importante salone internazionale delle innovazioni tecnologiche, che si svolge a Roma dal 18 al 20 ottobre. 

Share

Il CREA, con i suoi centri di Alimenti e Nutrizione - Ingegneria e Trasformazioni Agroalimentari - Orticoltura e Florovivaismo - Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura - Politiche e Bioeconomia, partecipa al Maker Faire, il più importante salone internazionale delle innovazioni tecnologiche, che si svolge a Roma dal 18 al 20 ottobre. Il CREA ha, infatti, raccolto la sfida tecnologica dell’agricoltura 4.0 per far fronte alle esigenze di un consumatore sempre più esigente ed attento alla qualità dei prodotti e alla tutela dell’ambiente. Proprio per questo i ricercatori saranno a disposizione per rispondere alle domande e alle curiosità dei visitatori, illustrando i prototipi presenti nello spazio espositivo e realizzati negli ultimi anni per i settori agro-alimentare e forestale.

More info:  

stampa@crea.gov.it

Brochure_bts_crea_V4.1.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Giulio Viggiani, 10/18/19 11:32 AM
Preview
1 of 2

Euphresco Network

Share

Euphresco is a network of organisations that fund research projects and coordinate national research in the plant health area.

Created as part of the 6th Framework Programme as a European network for coordinating phytosanitary research, from 2014 it has become a stable network financially supported by the European Commission, the Member States (in Italy the Mipaaft participates) and non-governmental partners. CREA has been a member of EUPHRESCO since 2005 with the Defence and Certification Research Centre.

Visit the website: https://www.euphresco.net/

faq_17_10_2019.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Montesi, 10/17/19 11:52 AM
Preview
1 of 1

EXCALIBUR: ALLA SCOPERTA DELLA BIODIVERSITA’ MICROBICA DEL SUOLO

Parte oggi il progetto europeo che studia le potenzialità dei microrganismi del suolo a vantaggio degli agricoltori.

Share

Maggiori rese e risparmio economico per le aziende fino a circa 240€/Ha per la coltivazione di melo, 120€/Ha per il pomodoro e 100€/Ha per la fragola, oltre ad una gestione del suolo efficace e sostenibile. Queste le principali ricadute del progetto europeo H2020 "EXCALIBUR - Exploiting the multifunctional potential of belowground biodiversity in horticultural farming" (Sfruttare il potenziale multifunzionale della biodiversità sotterranea nell'agricoltura orto-frutticola), a cui è dedicata l’intensa 3 giorni del kick off meeting, in corso dal 19 al 21 giugno presso il centro Agricoltura e Ambiente di Firenze (Via di Lanciola, 12). Il progetto quinquennale, coordinato dal CREA, è stato finanziato con quasi 7 milioni di euro  e vede coinvolti altri 15 partner di diversi Paesi europei.

La rilevanza della biodiversità microbica del suolo è ampiamente riconosciuta per le interazioni e le dinamiche che si instaurano con le produzioni agricole. Proprio per queste ragioni, i ricercatori del CREA Agricoltura e Ambiente ne stanno approfondendo la conoscenza, in particolare degli effetti sinergici in orticoltura. Stanno valutando, infatti, come l’introduzione di altre popolazioni microbiche possano migliorare sia la fertilità dei suoli sia la resistenza a stress biotici e abiotici di alcune colture modello (quali pomodoro, mela, fragola) in diverse condizioni sperimentali e in pieno campo in tutta Europa.

Grazie ad un approccio integrato di ricerca delle interazioni pianta-suolo-microrganismi e di sperimentazione sul campo, all’impiego di nuove tecniche molecolari, come il sequenziamento di specifici gruppi di microrganismi e alla creazione di strumenti, indicatori e sistemi di valutazione e modellizzazione sarà possibile sviluppare nuovi bio-prodotti e pratiche agricole in grado di valorizzare la biodiversità nativa del suolo e di ridurre l’utilizzo di input chimici di almeno il 10-30% (a seconda della coltura, della qualità del suolo e delle condizioni pedoclimatiche). Sulla base, quindi, dell’analisi del comportamento e della reazione delle popolazioni microbiche spontanee nei confronti dei nuovi microrganismi introdotti, i ricercatori del CREA potranno valutare l’efficacia dell’utilizzo di questi nuovi bio-prodotti in condizioni reali e fornire agli agricoltori opportune indicazioni sulle pratiche agronomiche più adatte per valorizzare la biodiversità dei loro suoli e alle Istituzioni un valido strumento sia per il controllo sia  per l’implementazione del contesto normativo in materia di fertilizzanti organici.

 «Una delle maggiori sfide dell’agricoltura è produrre più cibo con meno risorse – spiega Stefano Mocali, ricercatore CREA Agricoltura e Ambiente e coordinatore del progetto - Può sembrare un obiettivo troppo ambizioso e difficile da raggiungere ma sotto ai loro piedi gli agricoltori hanno a disposizione miliardi di potenziali partner che possono aiutarli nell’intento: i microrganismi. Basta saperli valorizzare».

I partner di Excalibur: Research Institute of Horticulture – INHORT (PL), CRPV (IT), Natural History Museum – NHM (UK), NIAB East Malling Research – NIAB EMR (UK), Agricultural Institute of Slovenia – KIS (SI), Università degli Studi di Torino – UNITO (IT), Netherlands Institute of Ecology -NIOO-KNAW (NL), University of Copenhagen – UCPH (DK), Technische Universitaet Graz – TUGRAZ (AT), InoculumPlus – IN+ (FR), Universidad de Granada – UDG (ES), Intermag sp z.o.o. – INTERMAG (PL), NSF Euro Consultants - NSF (BE), Kompetenzzentrum Obstbau Bodensee – KOB (DE), Fördergemeinschaft Ökologischer Obstbau e.V. – FOEKO (DE).

Contatto stampa Micaela Conterio +39 335 845858

More info:  

stampa@crea.gov.it 

NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI: IL CREA INCONTRA IL PUBBLICO

TUTTI GLI APPUNTAMENTI PER VIVERE UN GIORNO DA SCIENZIATI

Share

Anche quest’anno il CREA partecipa il 27 settembre alla Notte Europea dei Ricercatori, un’occasione straordinaria di incontro tra il mondo della ricerca e la società, con un programma fitto di incontri ed esperienze di laboratorio a cielo aperto. Esperimenti e dimostrazioni scientifiche dal vivo, seminari e visite guidate, esposizioni. Questo e molto altro ancora verrà messo a punto dai nostri ricercatori per rispondere alle richieste dei cittadini, di tutte le età, offrendo loro l'opportunità di diventare scienziati per un giorno.

A Padova, presso la sede di Agricoltura e Ambiente (Via Eulero 6A) i bambini sperimenteranno diverse esperienze sensoriali in laboratori specifici: potranno imparare a distinguere, con il tatto, la seta da altri tessuti; ascoltare le larve del baco mentre mangiano con il loro caratteristico rumore; vedere i colori e le forme del bozzolo ed abbinarle sulle cartine geografiche alle località di origine; annusare diverse foglie di piante per riconoscere quella di gelso e assaggiare le more di gelso essiccate. A partire dalle ore 17:30 sarà possibile per gli adulti visitare i laboratori e gli allevamenti del baco. I ricercatori saranno a disposizione per illustrare i progetti di ricerca, in particolare di quello sui ritmi circadiani degli insetti, ovvero sulla loro fisiologia legata all'alternanza del giorno/notte, del passare del tempo e delle stagioni. Si potrà, inoltre, vedere dal vivo la dipanatura del bozzolo sul filandino sperimentale del CREA e ricevere qualche filo di seta.

A Bologna (Via Zamboni), a partire dalle ore 18:00 i ricercatori del CREA Cerealicolture e Colture Industriali portano alla scoperta delle Colture Industriali (patata, canapa, cardo, mariano, sorgo, fagiolo), presentando le strategie per un’agricoltura italiana sostenibile, ma competitiva, che sia capace di rinnovarsi pur mantenendo la propria identità. I visitatori potranno partecipare ad una piccola esperienza di street-lab, che consentirà di vedere il DNA, oltre a presentare alcuni prodotti derivanti dalle ricerche sulle diverse colture, come ad esempio le patate colorate o olii di diversa natura.

A Rende (Università della Calabria via Pietro Bucci) il CREA Politiche e Bioeconomia, organizza, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, a partire dalle ore 9:00 una serie di seminari dedicati a L’economia civile e solidale nelle buone prassi in Calabria, Agricoltura e welfare: pratiche comunitarie nella Valle dell’Esaro, Cibo & sostenibilità: la sfida della pianificazione alimentare, Beni comuni e sviluppo territoriale, I progetti di sviluppo del corso di agricoltura e politiche rurali.

Si allega il programma completo

Contatto stampa: Micaela Conterio 3358458589

More info:  

stampa@crea.gov.it 

 

dichiaraziobe_PENONE.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Montesi, 10/17/19 10:33 AM
Preview
1 of 1

53_PENONE.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Montesi, 10/17/19 10:33 AM
Preview
1 of 1

15_PENONE.pdf (Version 1.0)

Thumbnail Uploaded by Marco Montesi, 10/17/19 10:32 AM
Preview
1 of 1